Guida agli eroi di Overwatch: Genji


Articolo a cura di Pietro Gualano 
Nome reale: Genji Shimada
Età: 35
Professione: avventuriero
Base operativa: Monastero Shambali, Nepal
Affiliazione: clan Shimada (precedente), Overwatch (precedente)
Punti vita: 200
Abilità e punti chiave
Oggi parliamo di Genji concludendo così la nostra analisi degli eroi d’attacco di Overwatch. Tra i personaggi offensivi presenti nel titolo questo è sicuramente uno dei più mobili, stiamo parlando di un eroe letale sulla breve distanza con alcune abilità devastanti ma difficili da usare. Genji è molto utilizzato online ma non è per tutti, è uno dei personaggi più complessi del gioco e serve molta pratica per non essere un peso morto per il team. Questo eroe non possiede armi da fuoco, non ha moltissimi punti vita, la sua super è molto difficile da sfruttare e ha bisogno di un team di supporto adeguato. Ma partiamo, come sempre, dalle varie abilità:
– Deviazione: senza dubbio l’abilità più interessante di Genji, vi consente di respingere tutti i colpi nemici nella direzione in cui state mirando. Il tempo in cui siete protetti è di circa due secondi quindi cercate di sfruttare questa capacità al meglio anche perché il recupero richiesto è piuttosto pesante. Inutile dire che quest’abilità è utilissima contro personaggi come Bastion, anche se ad alti livelli gli eroi nemici cesseranno subito il fuoco non appena si renderanno conto della situazione. Per ottenere il massimo da quest’abilità è necessario giocare d’anticipo, spesso l’avversario nella frenesia della battaglia spara senza pensarci troppo e voi dovete essere più lucidi e anticiparlo quel tanto che basta per proteggervi e infliggere grandi danni. Non dimenticate che con deviazione potete anche respingere le super nemiche al mittente e questo, ragionando a livello di team, è un vantaggio semplicemente enorme.
– Assalto rapido: grazie a quest’abilità Genji può effettuare un rapido scatto in avanti colpendo con la sua lama tutti i nemici in traiettoria. Il danno inflitto è abbastanza elevato e andare a segno non è particolarmente difficile, non dimenticate che il tempo di recupero in questo caso si azzera effettuando una kill. Realizzare più scatti in serie sfruttando il cooldown azzerato è comunque molto complesso, ma in situazioni di mischia con molti eroi in fin di vita potete anche tentare la sorte. Il raggio d’azione del vostro scatto è ridotto, quindi assicuratevi di essere abbastanza vicini al nemico prima di partire: per fare ciò il nostro consiglio è di sfruttare al massimo la grandissima mobilità di Genji usando deviazione quando necessario.
– Spada del drago (super): una mossa devastante ma anche molto difficile da usare. Attivandola Genji estrarrà la sua katana e comincerà a menare fendenti a tutti i nemici nei paraggi, muovendosi velocemente e infliggendo grossi danni. Questa super è utilissima in spazi ristretti e vi consente di uccidere anche grossi gruppi di nemici, mentre attivarla in campo aperto spesso equivale a morte certa. Il tempo in cui la super rimane attiva è soddisfacente (circa 8 secondi) e vi consente di fare tutto quello che dovete senza troppa fretta. Anche in questo caso vale il discorso fatto per l’assalto rapido: sfruttate la vostra mobilità e la deviazione per avvicinarvi al nemico e poi, quando siete a una distanza adeguata, estraete la spada e cominciate a uccidere tutti gli eroi avversari che vi capitano a tiro. Attenzione: mentre usate quest’abilità siete molto visibili e non siete invulnerabili, quindi cercate quando possibile di agire con i fianchi coperti e non andate mai da soli contro un tank supportato da personaggi offensivi o difensivi.
Armamento e conclusioni
Genji non ha nessuna arma da fuoco, usa gli shuriken per infliggere danni. Questo eroe offre due modalità di fuoco simili a quelle di McCree: con la prima lanciate tre shuriken con precisione in un punto, mentre con la seconda potete scagliarli con una sventagliata coprendo un’area maggiore ma, naturalmente, con meno precisione. Il danno inflitto da Genji è elevato ma ci vuole grande precisione, nessun nemico muore con una singola scarica di shuriken e non potete pensare di piazzarvi in un punto aspettando che passi qualcuno. La gittata è soddisfacente e potete tranquillamente gestire combattimenti sulla media distanza (sulla lunga invece farete non poca fatica).
Genji, come abbiamo detto, è uno degli eroi più mobili del gioco. Può arrampicarsi in punti della mappa irraggiungibili per gli altri (come Hanzo), ha una grande velocità di movimento e può effettuare un utilissimo doppio salto che lo rende letteralmente un incubo per i cecchini avversari. Questo eroe è perfetto per aggirare rapidamente i nemici muovendosi con discrezione, è difficile da colpire e una volta che è arrivato a distanza ravvicinata il combattimento è quasi sempre finito. Il supporto migliore per Genji è a parer nostro Zenyatta, un personaggio che può tranquillamente curarlo e infliggere globi della discordia ai suoi avversari. I personaggi più facili da abbattere per voi sono sicuramente Bastion (è quasi sempre un massacro), Hanzo e Widowmaker: i cecchini sono prede perfette perché potete raggiungerli in breve tempo e, nel caso, sfruttare la vostra deviazione su di loro. Fate molta attenzione a tank come Roadhog (può stordirvi e farvi malissimo) e agli eroi in grado di competere con voi in mobilità come Tracer.

Non è finita qui!

Scopri altre guide, soluzioni, walkthrough o trucchi per completare il gioco al 100%!

Hai suggerimenti o domande?
Segnalacelo nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Battleborn: arrivano le microtransazioni

N.E.R.O.: Nothing Ever Remains Obscure ha una data di uscita italiana