HOME » news

Basta corvi in Assassin’s Creed Valhalla, è il momento di usare i piccioni

L’era dei Vichinghi è arrivata su Assassin’s Creed di recente, e Ubisoft tra le varie iniziative ha deciso di regalare un nuovo compagno animale volatile agli aspiranti assassini di tutto il mondo in sostituzione ai tradizionali corvi di questo capitolo, Valhalla: stiamo parlando dei temibili piccioni.

Non preoccupatevi, il vostro corvo Sýnin non andrà perduto; semplicemente il suo aspetto cambierà un po’ per diventare un fantastico piccione. Non c’è nessun cambiamento nel gameplay tra corvi e piccioni, si tratta ovviamente solo di un miglioramento estetico. Sì, ho detto miglioramento: non c’è niente di meglio che avere un paffuto uccello portatore di malattie durante un’assedio vichingo.
Piccioni grassi > corvi rachitici.

Piccione riscattato

Per riscattare la skin da piccione è necessario avere un abbonamento ad Amazon Prime collegato all’account di Ubisoft Connect. Nella pagina Prime Gaming è presente un link per rivendicare il Pacchetto Dinastia Carolingia di Assassin’s Creed Valhalla che include un set di attrezzi, una sella per cavallo, una skin per la nave, un’arma e il tanto agognato piccione. Si può ottenere lo stesso pacchetto anche semplicemente cliccando sull’iconcina della corona in alto nella pagina di Twitch, sempre che siate abbonati ad Amazon Prime.

I contenuti riscattati verranno consegnati entro 48 ore, ovviamente tramite canali digitali e non attraverso un piccione viaggiatore: è sufficiente accedere al gioco. L’offerta è valida per un solo account Ubisoft quindi non pensate di sfruttare l’occasione per creare uno stormo di piccioni per i vostri amici vichinghi. Vi ricordiamo che Assassin’s Creed Valhalla è per il momento disponibile su PC, PS4, PS5, Xbox One e Xbox Series S|X.

fortnite, fortnite tecnologia espressioni facciali, epic games, epic games tecnologia espressioni facciali

Fortnite: presto il tuo personaggio sarà la tua copia spiccicata

call of the sea data xbox pc

Call of the Sea ha una data d’uscita