Cory Barlog vorrebbe una serie a tema God Of War su Netflix

god of war

Il 2018 è stato con molta gioia l’anno di God Of War. Il nuovo capitolo della saga action più famosa di Playstation ha battuto ferro e fuoco nei suoi dintorni: un titolo nato anche grazie all’aiuto del regista George Miller, che ha ricevuto gli applausi di pubblico e criticafacendo pure uscire qualche lacrimuccia al suo padre putativo. Al momento Santa Monica Studios starebbe lavoricchiando a un qualche tipo di seguito ma l’attesa è ancora lunga e di grandi dimensioni.

Non sarebbe male se, nel frattempo, il fantasma di sparta approdasse su qualche altro media, tipo le serie Tv; vero Netflix?

God of warGod Of War x Netflix: Cory tifa per voi

Calmate i bollenti spiriti: ancora niente di ufficiale è sorto dagli uffici di Netflix; le nostre speranze sono tutte risposte nella persona di Cory Barlog, director di God of war e mente geniale dietro il successo della saga di Santa Monica Studios.

A far salire un sorriso nei volti degli appassionati è un tweet di Cory Barlog dove mostra il suo entusiasmo nel voler vedere qualcosa a tema God Of War in quel di Netflix.

“È vero, nessuna serie su God Of War è al momento in produzione ma sarebbe bello fare qualcosa al riguardo, vero Netflix?” è stata la risposta del game designer americano all’ennesima notizia riguardo l’assenza dello spartano più famoso del mondo dei videogiochi sul piccolo schermo.

È palese che il game designer provi un certo interesse per un progetto di tale portata e non c’è di sicuro piattaforma migliore di Netflix per proporre tale prodotto. Il gigante americano ha in progetto una seconda stagione per l’anime basato su Castlevania e sta lavorando a una serie televisiva basata su The Witcher, tutto fuorché bruscolini insomma.

Spettiamo con trepidazione conferme da parte del gigante americano dello streaming, nel frattempo non possiamo far altro che rigiocarci il titolo!

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Monster Hunter: World, MHW, Monster hunter, world, pc, news, specs, specifiche, data pc, data rilascio, release

Monster Hunter World: data e specifiche della versione PC

[UPDATE] Annunciata la data d’uscita di Darksiders 3 e la natura delle varie edizioni speciali