HOME » news

Ubisoft è riuscita a proteggere AC Origins dalla pirateria

ubisoft denuvo
Una piccola rivincita per il celebre software.

Come tutti sappiamo, lo scorso 27 Ottobre è stato rilasciato Assassin’s Creed: Origins. Il gioco è stato accolto in maniera ottima sia dal pubblico che dalla critica, e probabilmente giocherà un ruolo chiave nel riabilitare il franchise agli occhi dei videogiocatori di mezzo mondo. Tuttavia, Ubisoft è riuscita a realizzare un’altra grande impresa. Ad un mese esatto di distanza dalla release ufficiale dell’ultimo Assassin’s Creed, nessuno è ancora riuscito a piratare il gioco. Inutile sottolineare quanto questo sia un ottimo risultato, che tutela le vendite del titolo e che fa ben sperare anche per la protezione di tantissimi altri tripla A.

Il successo di Ubisoft contro la pirateria

ubisoft pirateria
Un mese senza pirati.

È inutile girarci troppo intorno: nonostante ci troviamo nel 2017, la pirateria è ancora una bella gatta da pelare. Tutto ciò ha contribuito a creare non pochi problemi a Denuvo, il sistema anti-pirateria più utilizzato dai publisher di tutto il mondo. Molti giochi tripla A non hanno neanche il tempo di arrivare sugli scaffali dei negozi che già è facile trovarne le crack. È impossibile non ricordare quanto accaduto a titoli come Tekken 7, Sonic Mania, la cui protezione è stata violata in nemmeno dieci giorni dall’uscita. Il “caso RiME“, invece, aveva gettato non poche ombre sull’efficienza di Denuvo, che addirittura avrebbe peggiorato le performance del gioco Tequila Works, costretta a rimuovere il DRM dal suo gioco. Tuttavia, nonostante una causa legale all’orizzonte, Denuvo rappresenta, come sottolineato anche da Square Enix, una delle poche tutele per l’industria di settore.

ubisoft anti-tamper
Assassin’s Creed: Origins non è stato ancora crackato da nessuno.

Occorre sottolineare che, se Assassin’s Creed: Origins è riuscito a resistere un mese alla pirateria, il merito va ripartito in egual misura tra Ubisoft e Denuvo. Se la società austriaca ha fornito al gioco l’ultima versione del suo sistema anti-tamper, anche il publisher francese ha fatto la sua parte con VMProtect. L’abbinamento di questi due sistemi di protezione, allo stato attuale, ha rappresentato una barricata finora invalicabile per hacker e cracker. Nonostante alcuni si lamentino del fatto che il DRM possa sovraccaricare la CPU, penalizzando le prestazioni del gioco, Ubisoft ha sempre smentito con forza ogni tipo di insinuazione in tal senso.

Un piccolo grande successo contro la pirateria informatica

ubisoft protezione denuvo
Denuvo non è stato ancora aggirato.

Se la software house francese ha senza dubbio contribuito a proteggere il suo gioco, non possiamo non sottolineare i meriti di Denuvo. Su AC: Origins è infatti presente l’ultima versione del sistema anti-tamper che, allo stato attuale, nessuno è ancora riuscito ad aggirare. Sonic Forces, Star Wars: Battlefront II, Need for Speed Payback, Injustice 2, Football Manager 2018. Tutti i giochi ora elencati beneficiano del nuovo sistema targato Denuvo, e nessuno di questi titoli è stato ancora crackato dai pirati informatici.

Tutto questo, come è ovvio presupporre, si può facilmente tradurre in vendite maggiori. Assassin’s Creed: Origins è attualmente disponibile, per il mercato PC, sia su Steam che su Uplay. Nonostante non siano ancora disponibili i dati di vendita su Uplay, possiamo farci un’idea del successo del gioco grazie tramite i dati di Steam. Stando a quanto diramato dal sito SteamSpy, il gioco avrebbe venduto circa 367.000 copie sulla piattaforma Valve. I suoi due predecessori, Unity e Syndicate, hanno toccato quota 575.000 e 452.000 copie vendute su Steam. Anche grazie all’anno di pausa preso dalla serie, è facile ritenere che Origins possa superare questi numeri. C’è solo da chiedersi, a questo punto, se riuscirà a raggiungere i 1.5 milioni di copie vendute da Black Flag.

Un piccolo passo avanti per i tripla A

ubisoft vittoria
Una grande vittoria contro la pirateria.

Inutile farsi troppe illusioni: sappiamo benissimo che, prima o poi, anche questa versione di Denuvo verrà crackata. Tuttavia, questo mese di protezione garantito dalla società anti-pirateria del momento rappresenta una speranza non da poco per tantissimi publisher. Sono numerosi i tripla A che potrebbero vedere tutelate le loro vendite grazie a Denuvo. In un mondo come quello dei videogiochi, che viaggia sempre ad altissima velocità, anche un mese di vendite “sicure” rappresenta un grosso traguardo.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

sony nuove ip

Sony: “Supporteremo sempre le nuove IP”

Ataribox: svelato il controller della console