Cross-save confermato su Cyberpunk 2077, ecco i dettagli

Se siete in attesa di Cyberpunk 2077 ma anche di una delle nuove console che, purtroppo, sono in penuria di scorte, non preoccupatevi per i vostri salvataggi perché CD Projekt RED, gli sviluppatori del gioco, hanno appena confermato tramite canali social ufficiali della possibilità di cross-save in gioco, per certi versi anche retrocompatibile.

Ciò significa che se inizierete a giocare a Cyberpunk 2077 su PlayStation 4 o su Xbox One, avrete modo di continuare a giocare su una console next-gen corrispondente. Attenzione: console corrispondente vuol dire che i salvataggi non saranno condivisibili da Sony a Microsoft a quanto sembra. Sul sito ufficiale viene spiegato il processo di funzionamento.

Su PlayStation

Se stai giocando a Cyberpunk 2077 su PlayStation 4 puoi riprendere il gioco su PlayStation 5 dai tuoi salvataggi e viceversa grazie alla retrocompatibilità. Tutto questo può avvenire solo a patto che le due console condividano lo stesso account PlayStation.

Per poter usufruire del cross-save si può agire in 3 modalità differenti:

  • Effettuare l’accesso all’account PlayStation Plus e caricare i salvataggi
  • Trasferire i dati di salvataggio tramite cavo LAN o connessione senza fili (WiFi)
  • Utilizzare un dispositivo di archiviazione compatibile con PlayStation 4 e PlayStation 5 per trasferire i salvataggio sullo stesso account PSN.

Su Xbox

La funzione SmartDelivery dell’ecosistema Xbox consente di continuare a giocare su Xbox Series X|S dallo stesso punto in cui il gioco è stato interrotto su Xbox One. Non è specificato se in questo caso sia presente retrocompatibilità.

Per poter usufruire del cross-save su Xbox è necessario essere connessi a internet in modo da caricare i dati sul cloud, oppure basta collegare i sistemi Xbox One e Xbox Series X|S alla stessa rete e utilizzare l’opzione di sistema per il trasferimento su rete.


Tra le diverse funzionalità annunciate negli ultimi giorni ricordiamo che in Cyberpunk 2077 è prevista qualche funzionalità multiplayer nel 2021, assieme ad altre novità post-lancio. Nel frattempo, sappiate che anche se è stato dichiarato che la storia principale sarà più breve di The Witcher 3, non vuol dire che la nuova opera di CD Projekt RED sia scevro di contenuti, anzi: un tester ha trascorso oltre 175 ore in gioco e ancora non ha finito il titolo. Inoltre, sempre a proposito di salvataggi, è possibile avere più playthrough diversi in memoria.

Qualunque sia la vostra piattaforma di utilizzo per giocare a Cyberpunk 2077, vi ricordiamo che il titolo è finalmente in dirittura d’arrivo dopo i continui rimandi. Saremo in grado di girare per le strade di Night City il prossimo 10 dicembre 2020, restate sintonizzati perché vi aggiorneremo con guide e consigli utili appena possibile.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Cyberpunk 2077

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

The Mandalorian diventa Jedi in Star Wars Fallen Order grazie a una mod

Star Wars: Squadrons si aggiorna alla next-gen