Cyberpunk 2077: un tester non ha ancora finito il gioco dopo 175 ore

Dopo aver sfornato un capolavoro lungo e duraturo come The Witcher 3: Wild Hunt, come minimo ci si aspetta dagli autori di CD Projekt RED un’altrettanta duratura immersione nell’imminente distopia futuristica di Cyberpunk 2077.

In passato c’erano state voci secondo cui il gioco dovrebbe durare meno dell’opera precedente della casa polacca, Wild Hunt. Per fortuna viene in soccorso alle nostre aspettative uno tester di CDPR che sembrerebbe ancora non aver finito il suo stesso gioco dopo 175 ore! Si tratta di Lukasz Babiel, lead QA tester dell’azienda produttrice di Cyberpunk 2077, il quale ha rivelato a un fan la sua esperienza con il tempo di gioco quando gli è stato chiesto quanto tempo servisse per completarlo.

Questo è solo uno dei miei attuali e lenti playthrough a difficoltà massima dove gioco più furtivo del solito, saccheggio tutto, uso ogni caratteristica che il gioco ha da offrire e mi prendo il mio tempo.

Ci aspettiamo a questo punto che il gioco sia un’esperienza davvero immersiva come sembra prospettarsi dai numerosi annunci e dall’ingente campagna marketing che sta accompagnando lo sviluppo e la pubblicazione di Cyberpunk 2077.

Nonostante i continui ritardi sulla scaletta, il GDR open world di Cyberpunk 2077 è in dirittura d’arrivo per questo 10 dicembre. Il gioco non è solo in mano ai tester, ma secondo quanto riporta VG24/7 è già arrivato a numerosi recensori. Questo dovrebbe voler dire che possiamo essere certi che non ci saranno più rinvii.

Possiamo quindi aspettarci l’arrivo sicuro del titolo su PC, PS4, PS5, Xbox One X, Xbox Series S|X e Stadia. A proposito di quest’ultima piattaforma, vi ricordiamo l’offerta vantaggiosa di Google che consente di accedere al pacchetto premiere che vi dà in regalo il Chromecast Ultra e il Joypad ufficiale di Stadia.

Attenti inoltre alla temporanea assenza di Ray Tracing per le schede grafiche di AMD al lancio. E se siete curiosi, sappiate che in giro è trapelato un gameplay di 20 minuti.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE VG24/7

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Football Manager 2021 | Recensione (PC)

NEO The World Ends with You

The World Ends With You sta tornando, dopo dodici anni