God of War non conterrà microtransazioni

god of war boss fight opzionali
God of war avrà boss fight opzionali

Il prossimo 20 Aprile Kratos farà finalmente ritorno sulle nostre Playstation 4. A lungo abbiamo atteso novità sulla nuova avventura del Fantasma di Sparta, questa volta alle prese con le divinità del pantheon norreno. Ebbene, sembra proprio che le buone notizie non siano ancora terminate. Proprio poche ore fa, infatti, Cory Barlog, il game director dell’esclusiva PS4, ha fatto tirare un sospiro di sollievo a tantissimi fan della saga: in God of War non ci saranno microtransazioni. Il gioco sarà un’esperienza completamente in single player, che non scenderà a compromessi di alcun genere, per la felicità di tutti gli appassionati.

Niente microtransazioni per God of War

[amazon_link asins=’B071JYSFH8,B00XLBKZMI,B00IQ2W9LC’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’f44138b0-223b-11e8-b776-f78cbf3ba53c’]

Le microtransazioni sono sicuramente uno degli argomenti che più hanno affollato le recenti discussioni dei videogiocatori di mezzo mondo. Dopo il polverone suscitato da Electronic Arts con il suo Star Wars: Battlefront II, tantissimi publisher cercano di approcciarsi agli acquisti in-game con estrema cautela. In Far Cry 5 ed in Sea of Thieves, ad esempio, saranno presenti uno shop ed una valuta virtuali, ma non saranno acquistabili le tanto vituperate loot box. Nonostante scendere a compromessi risulti spesso un’operazione di vitale importanza, parafrasando una celebre canzone, c’è anche chi dice no. Giochi tripla A del calibro di Gran Turismo Sport e Monster Hunter: World sono infatti riusciti a tenere fuori queste meccaniche dal proprio gameplay, riuscendo comunque ad offrire esperienze di gioco di primissimo rilievo.

Pare proprio che anche God of War sarà privo di microtransazioni. Ad affermarlo è Cory Barlog in persona: attraverso il suo profilo Twitter ufficiale, il director ha seccamente smentito la presenza di acquisti in-game nell’ultima fatica di Santa Monica Studio. La ragione di questa preoccupazione risiedeva nel fatto che Barlog aveva pubblicato una sua foto accanto ad un caminetto, affermando di trovarsi a Berlino per un evento dedicato a God of War, in cui sarebbero state rivelate informazioni sul gioco. Tutto questo aveva fatto preoccupare qualche fan, che ha subito esternato i suoi timori al director, che ha però subito placato gli animi. Nel prossimo God of War non ci sarà spazio per qualsiasi tipologia di acquisti in-game.

Altre informazioni utili su God of War

Nel corso di questi mesi sono state veramente tante le notizie riportate sulla prossima esclusiva Sony. Sin da subito è apparso chiaro che si sarebbe trattato di un nuovo inizio per il nostro Kratos. Il nuovo God of War sarà molto diverso dai suoi predecessori, potendo vantare anche boss fight opzionali e diverse sezioni a bordo alla barca vista nei trailer di gioco. Inoltre, lo splendore grafico visto nei trailer non è stato sottoposto ad alcun downgrade: God of War è realmente bello quanto sembra. La notizia sull’assenza di microtransazioni, accompagnata a quella dell’assenza di un season pass, non fa altro che confermare quanto l’ultima fatica di Santa Monica Studio voglia evitare di rimanere impelagata in qualsiasi tipo di polemica videoludica.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

ion maiden

Due parole su: Ion Maiden

Attiva su Hearthstone la promo Gran Cratere

Hearthstone Seasonal Playoffs, per la prima volta anche in Italia