Le mie Ragguardevoli sessioni – #19 Le Origini del Male

origini del male
ragguardevoli 19

#19 – Le Origini del Male

Le mie Ragguardevoli Sessioni è una rubrica a cura di Admin T, fondatore della nota pagina Sesso Droga e D&D .
L’indice delle puntate precedenti è in fondo all’articolo!

Pine-ruolo*, anno Domini 2014.

Furono sessioni oscure e pregne di malvagità. Per un breve periodo non riuscimmo più a prendere la cosa tanto sul ridere, al punto da abbandonare addirittura i bagordi culinari per meglio concentrarci sulla gravità di quello che stavamo vivendo. Il nostro Master Jack diede sicuramente il meglio di se’ in questo periodo e gli sarò per sempre grato per questo: tanto è vero che siamo cresciuti tutti insieme come giocatori di ruolo, quanto è vero che devo a lui l’ispirazione che mi ha portato a diventare master a mia volta. Giocavamo ormai da dieci anni insieme, ma è durante queste sessioni che ho sviluppato il desiderio sempre più forte di creare mondi fantastici oltre a viverli coi miei personaggi. Non mento nell’affermare che è stata dura conservare la nostra “integrità” di giocatori fancazzisti e casinari, spinti dalla forza dell’immedesimazione a calarci sempre di più nei panni dei nostri personaggi. Ancora oggi faccio molta fatica ad immaginare un PG ladro diverso da quello che ho giocato in quegli anni.

Il nostro Master stava diventando un signore oscuro al pari di Sauron

Nella scorsa puntata avevamo appena fatto il nostro ingresso trionfale nell’immensa città dei Drow, a dorso di imponenti viverne* usate per portare i visitatori sul fondo dell’enorme cavità dell’isola-vulcano. Arrivati nella piazza principale della città, ci siamo trovati davanti ad una taverna spettrale atta ad accogliere i forestieri. Addossato ad essa, uno sbronzo Gigante delle Tempeste stava tracannando birra direttamente da un barile scoperchiato.

Iniziamo la sessione

Ci troviamo di fronte a questo colosso verde e, spinti da curiosità mista a follia, ci viene in mente di iniziare una conversazione, nonostante lui non ci degni di uno sguardo. Potremmo entrare direttamente nella taverna, ma no: dobbiamo fare a tutti i costi la cazzata. Ci presentiamo e, dopo una conversazione molto tesa (metagame: il gigante è decisamente al di sopra delle possibilità in uno scontro), scopriamo che si trova lì per condurre degli sperimenti sulle Testuggini Dragone che vivono negli enormi laghi sotterranei dell’impero dei Drow. Il suo compito è quello di schiavizzarle per avvalersi della loro forza nell’imminente guerra tra Hyroas ed Astria… e qui sentiamo parlare per la prima volta di questa guerra! Sul momento però abbiamo un altro problema: il nostro Druido, interpretato da Matte, giura (per fortuna sottovoce) di impedire al gigante di torturare delle creature innocenti e fa il voto di annientare quest’empio essere. Noialtri non eravamo esattamente degli stichi di santo, ma il nostro Druido aveva conservato un minimo di bontà nel cuore.

Morla da “La Storia Infinita”, una cugina maggiore della Testuggine Dragona

Decidiamo finalmente di usufruire dell’ospitalità degli Elfi Oscuri e ognuno di noi si reca nel tempio della propria divinità; scopriamo infatti che la città è fornita di una serie di grotte dedicate alla maggior parte delle divinità malvagie e neutrali. Mentre il Druido ripete il voto al cospetto di Obad-Hai, io mi reco raggiante ad una caverna in rovina per i devoti del Dio Paziente (una divinità oscura e misteriosa della cui esistenza dubita un po’ chiunque). Avevo abbandonato dall’inizio della campagna la speranza di trovare un luogo del genere e, ora che ne trovo uno, faccio l’unica cosa da fare quando si trova un tempio del Dio Paziente: mi immergo nell’oscurità e siedo pazientando nell’attesa di un segno dalla mia divinità.

Sono rimasto in meditazione per tutto il resto della sessione, lasciando il campo ai miei compagni di party… per fortuna!

Un classico tempio del Dio Paziente, con un suo devoto

Uno strano scherzo del destino

Mentre sono in meditazione, gli altri decidono di recarsi ancora più in profondità per vedere da vicino le Testuggini Dragone e succede il finimondo. Nelle profondità della terra li attende un potente nemico: un Inevitabile. Gli Inevitabili sono dei costrutti che si impegnano a far strage di chi non mantiene dei patti siglati con la magia, difensori imperterriti della legalità. Probabilmente lo schiavista Goblin si è accorto che la figlioletta non è tornata esattamente normale (puntata 16), ma di fatto non abbiamo mai scoperto l’origine  e il motivo di questo attacco. I miei compagni di party non se la sono cavata affatto bene in questo combattimento, ma lo scopo particolare di questo Inevitabile non è quello di abbattere il party… bensì di imprigionarlo! Si ritrovano infatti rinchiusi in un portale dimensionale: una piccola stanza con le sbarre, dove un servitore Formian (una formica un po’ cresciuta) si occupa di tenerli d’occhio.

Il “robot” al centro è un temibile Inevitabile

Nel frattempo il mio PG attende paziente l’illuminazione, nell’ombra e nel silenzio. All’improvviso succede qualcosa! Una strana sensazione pervade le mie membra e il mio corpo comincia a diventare inconsistente, tanto che mi spavento tantissimo e comincio a temere il peggio. Per fortuna il mio la forza oscura che tesse le trame del mio destino ha altro in mente: mi ritrovo all’improvviso nel portale dimensionale… dalla parte giusta delle sbarre! Riesco a sopraffare d’istinto il Formian, vedendo i miei compagni richiusi in prigione e rubo le chiavi della cella. La mia devozione era stata quindi ricompensata!

Quello, amici miei, è stato un “colpaccio” non da poco. Più avanti abbiamo avuto ancora a che fare con quel maledetto Inevitabile, ma intanto ci siamo ritrovati con una stanza dentro un portale dimensionale delle dimensioni di una borsa. Per tutto il resto della campagna abbiamo stipato lì dentro i nostri averi in tutta sicurezza, evitando ogni problema di trasporto.

Ecco come si presentava all’incirca il nostro portale dimensionale

Non facciamo in tempo ad uscire di nuovo al buio della caverna, che ci troviamo davanti un’intera pattuglia di Drow, col tipico sguardo di chi vuole chiedere: “Ma cosa cazzo state facendo!?”. Invece si rivelano essere gentili e ci dicono semplicemente: “Siamo i Figli del Sole… siete attesi da Maestro Laodian”.

TO BE CONTINUED…

*Pine-ruolo: ovvero Pinerolo, patria di SDDND e città dove, per un periodo, è stata incarcerata la famosa “Maschera di Ferro”. Sul serio, controllate!

*Viverne: simil-draghi al centro di una grande disputa per via di Game of Thrones. Pare infatti che i draghi di Daenerys siano delle viverne… ma su questo non voglio pronunciarmi ora.


Un articolo a cura di Admin T per – Sesso Droga e D&D

Indice


#1 – Botte Eretiche e Fagioli Spaziali
#2 – Come tutto ebbe inizio
#3 – Battute squallide sugli elfi
#4 – La Verga Ingestibile
#5 – Barbari e Guardie Nere
#6 – Full Immersion Nerd
#7 – Natale nell’Imperium – pt 1
#8 – Natale nell’Imperium – pt 2
#9 – Natale nell’Imperium – pt 3
#10 – 7th Sea, I Terrori del Settimo Mare – Parte 1
#11 7th Sea – I Terrori del Settimo Mare – Parte 2
#12 – Gli orrori della sessione del master
#13 – Gli anni più difficili
#14 – Verso la più grande avventura
#15 – Verso la più grande avventura – parte 2
#16 – Benvenuti ad Hiroas – parte 1
#17 – Benvenuti ad Hiroas – parte 2
#18 – Benvenuti ad Hiroas parte 3

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Sesso Droga e D&D

Admin . T - il Fondatore della pagina Sesso Droga e D&D con la sua collaborazione esclusiva per player.it!
Pagina: https://www.facebook.com/Sesso.Droga.DnD/

Medievil ritorna per PlayStation 4

Recensione: Noxford

Recensione: Noxford