Denuvo è stato crackato anche su Assassin’s Creed: Origins

assassin's creed origins denuvo


Ancora una volta, ci troviamo a dover commentare una vittoria della pirateria videoludica. Denuvo è stato nuovamente crackato. Normalmente, una notizia di questo genere passerebbe più o meno inosservata. Vi starete allora chiedendo il perché di questo articolo. La ragione è una sola: ad essere piratato, questa volta, è stato Assassin’s Creed: Origins. Come forse qualcuno ricorderà, il gioco Ubisoft era riuscito, a differenza di tanti suoi “colleghi”, a resistere per mesi ai tentativi dei cracker di tutto il mondo, riuscendo a risollevare almeno parzialmente la nomea del noto sistema anti-tamper. Ebbene, dopo oltre tre mesi di “resistenza”, anche la protezione dell’ultimo Assassin’s Creed è infine aggirata.

Denuvo: alla fine l’hanno spuntata i cracker

square enix ringrazia denuvo
L’eterna lotta tra pirati e chi li combatte.

Chiunque abbia seguito le recenti evoluzioni della scena videoludica, non può non aver appreso delle tante discussioni nate attorno a Denuvo. Il celebre software anti-tamper è salito agli onori della cronaca per motivi purtroppo non legati alla sua efficienza. Basta consultare Wikipedia per rendersi conto della facilità e della velocità con cui i cracker riuscivano ad aggirare il sistema anti-pirateria. Per fare qualche esempio, Tekken 7 fu crackato in appena 4 giorni, per non parlare di quanto accaduto con RiME. Eppure, Assassin’s Creed: Origins era riuscito a resistere, almeno finora. La ragione era da ricercarsi nella combinazione di Denuvo e di VMProject, due software anti-pirateria, che avrebbero dovuto assicurare una protezione ancora migliore.

Con buona probabilità, i cracker avranno realizzato, lo scorso Gennaio, un bypass del software, con Denuvo che è ancora in esecuzione in background. Proprio per questa ragione, a differenza di quanto visto con RiME, non ci dovrebbe essere alcun cambiamento nelle performance del gioco. Per saperne di più su quest’ultimo punto, bisognerà attendere qualcuno che riesca a crackare anche il programma anti-tamper austriaco, o registrare eventuali variazioni qualora Ubisoft in persona dovesse decidere di rimuoverlo dal proprio gioco.

Va comunque sottolineato che è già disponibile una nuova versione di Denuvo, ovvero la 5.0. Questa versione è stata già installata su titoli come Marvel vs Capcom: Infinite, e sarà presente anche su videogame in uscita, come Far Cry 5.

Denuvo: una piccola, grande vittoria

ubisoft denuvo
Una piccola rivincita per il celebre software.

Nonostante la versione 4.8, quella installata su Assassin’s Creed: Origins, sia stata comunque crackata, Denuvo può comunque cantare vittoria. Il software è stato capace di garantire oltre tre mesi di “sicurezza”. E se la versione 5.0 dovesse essere altrettanto complessa da aggirare, sempre più aziende potrebbero decidere di ricorrere al programma in questione per proteggere i loro prodotti.

Piuttosto, ci sarebbe da chiedersi, a questo punto, quale sarà la mossa di Ubisoft, ora che il suo gioco di punta è stata crackato. È assai probabile, però, che l’azienda francese non faccia assolutamente niente. Basta osservare l’esempio di Watch Dogs 2, un altro gioco Ubisoft su cui è installata la medesima versione di Denuvo, per comprendere che l’importante, per il publisher, è garantire i primi mesi di vendite.

Tra le varie cose, Ubisoft ha garantito che Denuvo non ha inficiato in alcun modo le prestazioni di Assassin’s Creed: Origins. Non avremo mai modo di verificare queste affermazioni direttamente, ma quello che possiamo dire è che il tanto vituperato software anti-tamper è riuscito a prendersi una piccola rivincita nei confronti dei suoi detrattori.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
Yakuza 6

Yakuza 6 rinviato ad aprile

square enix single player

Square Enix: “Continueremo ad investire in giochi single-player”