Sony dice che no, non c’è nessun telefilm o film su God Of War in progetto

kratos god of war

Ultimamente sempre più proprietà intellettuali videoludiche di Sony stanno venendo trasformate in produzioni televisive tra Uncharted e The Last Of Us, senza parlare di tutto quello che succede intorno a Spiderman.

Con tutti questi show in lavorazione sono state molte le voci intorno all’arrivo di un qualcosa relativo ad una delle serie più famose della Sony moderna.

Di che parliamo?
Di God Of War, ovviamente.

No, niente Kratos in televisione

kratos film god of war

Tutto è partito da uno speciale del New York Times riguardante la produzione degli adattamenti filmici made in Sony. Quell’articolo però è stato preso sotto esame da un portavoce di Sony che ha dichiarato allo stesso New York Times che, contrariamento alle speculazione fatti, quello che a breve non è in lavorazione è un prodotto cinematografico/televisivo legato al mondo di God OF War.

Sony, nel frattempo, sta ancora lavorando su mille altre produzioni.
Il film di Uncharted è previsto per il 18 febbraio 2022 mentre la produzione dell’adattamento della serie HBO di The Last of Us va avanti a tutte vele. Anche franchise minori come Ghost of Tsushima o Twisted Metal stanno ottenendo i loro adattamenti.

In parallelo troviamo un colosso come Netflix che pian piano sta entrando nel cuore di sempre più giocatori, complici anche ottimi adattamenti per cose come Dota, Castlevania o il film in CG di Resident Evil. Netflix ha anche dichiarato di essere interessata ad entrare davvero nel mondo dei videogiochi, come se non bastasse.

E niente, la notizia è praticamente tutta qui. Il portavoce ha detto che per il momento non c’è niente in ballo quindi in futuro chissà.

Forse il giorno che le Playstation 5 saranno semplici da trovare sugli scaffali…

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Copertina per speciale sulla stagione degli Eletti di Destiny 2

Destiny 2: Stagione degli Eletti | Come fare una buona stagione

demon slayer, demon slayer videogioco, demon slayer Kimetsu no Yaiba The Hinokami Chronicles

Demon Slayer parlerà anche in inglese: annunciata la prima versione estera