Il dettaglio che non avete notato che collega Immortals Fenyx Rising ai Cavalieri dello Zodiaco

Immortals Fenyx Rising è un videogioco open world alla Breath of the Wild maniera, dove l’esplorazione occupa una parte fondamentale del gameplay ed è subordinata alle meccaniche di gioco action, un po’ come accade con Genshin Impact. Non molti però si sono accorti che c’è un dettaglio che collegherebbe i Cavalieri dello Zodiaco al gioco.

A differenza di Zelda e del gacha cinese, Immortals Fenyx Rising ha una sua peculiarità molto forte: l’ironia. Grazie ad essa il gioco, per quanto possa comunque essere solido e ben bilanciato, non si prende mai sul serio. Questa simpatica deriva ironica ha portato gli sviluppatori di Ubisoft a riempire Immortals Fenyx Rising di citazioni di ogni tipo che a volte esulano anche dal contesto della mitologia greca.

Nel caso dell’argomento di questo articolo, parliamo di un dettaglio con chiari riferimenti ai Cavalieri dello Zodiaco, noti a noi italiani soprattutto per la serie animata di successo andata in onda tra gli anni ’80 e ’90 su Italia 1, tratta dal manga shōnen “Saint Seiya” da Masami Kurumata. L’opera narra le avventure di un gruppo di ragazzi che si allenano per diventare Saint, guerrieri consacrati alla dea Atena, per proteggere il pianeta Terra dagli attacchi di altre divinità. I cosiddetti Cavalieri dello Zodiaco vestono le Sacre Aramture che rappresentano le 88 costellazioni dello zodiaco moderno.

I Cavalieri dello Zodiaco
Da sinistra verso destra: Andromeda, Sirio il Dragone, Pegasus, Cristal il Cigno e Phoenix

Tra un Fulmine di Pegasus e armature scintillanti, i Cavalieri dello Zodiaco hanno raggiunto una più che modesta fama che ha portato a diversi adattamenti cinematografici, più corsi narrativi in formato manga e anime, un romanzo, una serie reboot, un film in live action e perfino un musical, oltre a innumerevoli gadget e action figure. I Cavalieri dello Zodiaco sono a tutti gli effetti un cult degli anni ’80, e non sorprende più di tanto trovarseli citati in Immortals Fenyx Rising.

Leggi anche: Immortals Fenyx Rising | Recensione (PS4)

Esplorando l’Isola d’Oro, il mondo in cui è ambientato il gioco di Ubisoft, è possibile imbattersi in diversi luoghi segreti e oggetti collezionabili. L’Isola è divisa in 7 aree principali, e i dettagli relativi ai Cavalieri dello Zodiaco si possono trovare intorno alla Fortezza di Ares, nell’area chiamata Tana della Guerra. Una caverna celata dietro la Fortezza nasconde le armature d’oro dei Cavalieri dello Zodiaco, alle spalle di una statua della dea Atena.

Non è semplice notarle perché le armature sono nel loro Vaso di Pandora, un particolare scrigno portatile (potete notare dalla foto anche delle cinghie come se fossero zaini da portare sulla schiena) in cui le armature possono conservarsi e auto-ripararsi. In questo caso, le Sacre Armature presenti in Immortals Fenyx Rising sono quella del Cancro, dell’Ariete, del Leone e dei Gemelli.

Non conosciamo bene il motivo per cui le armature dei Cavalieri dello Zodiaco siano presenti in Immortals Fenyx Rising al di fuori del semplice citazionismo, ma il videogioco di Ubisoft si è già prestato a diversi crossover, come quello con le serie animate di Adventure Time e di Blood of Zeus. Potremo aspettarcene uno anche con i Cavalieri dello Zodiaco in futuro?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Hellblade: Senua's Saga, Hellblade, Microsoft disabilità, microsoft programma disabilità

Microsoft continua la sua battaglia per l’accessibilità con nuovi tool

tales from the borderlands ritorna sugli store

Tales from the Borderlands è di nuovo disponibile negli store digitali