Mass Effect: l’ex lead writer si unisce ad Archetype Entertainment

Archetype Entertainment, game concept

Il 2020 si prospetta un anno magico per il videogioco di ruolo (fra le uscite di Cyberpunk 2077 e di Vampire: The Masquerade Bloodlines 2 e l’arrivo di novità su Baldur’s Gate 3) e ad alimentare quest’impressione arrivano anche buone notizie da Archetype Entertainment, etichetta nata da Wizards of the Coast (Dungeons & Dragons) per curare i titoli videoludici tratti dai suoi prodotti.

L’ultima di queste riguarda Drew Karpyshyn, scrittore pezzo da novanta della sceneggiatura videoludica attivo fino a poco tempo fa in BioWare, che sembra sul punto di sbarcare di Archetype andando a ricoprire la posizione di lead writer dei suoi primi progetti (fra i quali un gioco di fantascienza).

Drewk Karpyshyn, Archetype Entertainment
Il buon Drew “Mass Effect” Karpyshyn in un’intervista

Anche dando solo una rapida occhiata al suo curriculum, appare chiaro come Karpyshyn sia la classica figura che ogni team specializzato in videogiochi di ruolo digitali vorrebbe avere al suo interno: è stato lead writer di Mass Effect 1 e 2 (e, dunque, fra i principali fautori del loro successo) e ha collaborato a tutti i più importanti progetti BioWare (Dragon Age, Baldur’s Gate, Knights of the Old Republic, Dragon Age).

Kaspyshyn non è però il primo ex-BioWare ad andare nel nuovo studio: traslocando in Archetype l’autore raggiunge ben due suoi ex-colleghi, ovvero James Ohlen e Chad Robertson (rispettivamente presidente e vice presidente di Archetype), quest’ultimo entrato nella nuova realtà a gennaio 2020.

Archetype Entertainment
Uno dei primi concept del primo progetto Archetype, un sci-fi in corso di sviluppo.

Archetype vuole essere l’erede di Bioware?

Il trasloco di questi nomi eccellenti in Archetype non fa solo sperare in una nuova etichetta in grado di portare avanti una tradizione di videogiochi di ruolo che ha segnato in positivo gli scorsi decenni con le saghe di Dragon Age e Mass Effect, ma suggerisce che Wizards of the Coast stia attuando una vera e propria politica di appropriazione dei talenti che hanno contribuito a quel successo per rilanciare il proprio comparto “gioco digitale”.

A suggerircelo non è solo la strategia di riunione di figure come Ohlen, Robertson e Karpyshyn in una realtà sotto il suo controllo, ma soprattutto il momento scelto per il suo lancio-aprile 2019/inizio 2020- proprio all’apice di uno dei momenti più critici per BioWare, alle prese con l’affaire Anthem. L’impressione è che Wizards punti a dare un colpo spietato e definitivo a quello che fino a pochi anni fa era un pericoloso rivale all’interno del comparto videoludico.

Un’operazione che Wizards ha già compiuto con successo nel campo del gioco di ruolo cartaceo, dove nel giro di pochi anni la quinta edizione di Dungeons & Dragons è riuscita a riconquistare i giocatori delusi dalla precedente e a tornare in posizione dominante rispetto a concorrenti come Pathfinder.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE DualShockers
dreams-recensione

Recensione | Dreams: tutti possono sognare di essere game designer

Un racconto inserito nell'ambientazione di Svilland, un modulo a tema scandinavo per D&D 5E

Svilland: Racconti | Rune di Ghiaccio – volume 2