Half Life Alyx ha fatto raddoppiare le vendite di Valve Index

half-life alyx cover

Valve Index, il visore per la realtà virtuale confezionato dalla proprietaria di Steam e di Half Life, è stato uno degli ultimi grandi annunci di un’azienda che è sempre stata molto di braccio corto con i nuovi prodotti.

Nel corso degli ultimi due anni, tolti infiniti aggiornamenti riguardanti la più popolare piattaforma di digital delivery videoludico, Valve ha infatti rilasciato giusto un gioco di carte a tema Dota 2 ed un aggiornamento per Half Life 2.

Da maggio del 2019 ad ora però le cose sono decisamente cambiate: prima l’azienda ha annunciato di essere pronta a rilasciare un suo visore per la realtà virtuale, grazie anche alla collaborazione di HTC e poi a dicembre ha rilasciato la bomba atomica.

Un nuovo capitolo di Half Life, tutto legato a questa nuova tecnologia, è in dirittura d’arrivo sugli headset di tutto il mondo a Marzo 2020 e, quest’ultimo, sembra essere il responsabile delle vendite del visore per la realtà virtuale.

Tempo fa lo avevamo teorizzato, ora abbiamo la conferma che è vero.

Half-Life Alyx e Valve Index: per ora tutto bene.

Valve Index

Secondo i dati raccolti da Superdata riguardanti la realtà virtuale, durante il quarto trimestre del 2019 il Valve Index ha venduto più del doppio delle unità rispetto ai precedenti trimestri. L’unica cosa rivelante successa durante il quarto trimestre di quell’anno qual è stata?
Esatto, l’annuncio di Half-Life Alyx.

Index è stato tutto fuorché il visore più venduto del trimestre: Playstation VR ha venduto 338.000 unità, Oculus Quest poche meno. Valve ha venduto 103.000 unità, un risultato niente male se consideriamo che partendo dall’annuncio le unità vendute erano state 49.000.

Half Life Alyx gameplay

I risultati sono stati comunque falsati, sia per Valve Index che per Oculus Quest, dall’esaurimento scorte che ha colpito le aziende produttrici prima della fine dei trimestri.

Probabilmente Half Life Alyx non cambierà in modo assoluto il mercato della realtà virtuale (ne abbiamo già parlato qui con dovizia di particolari) ma è plausibile pensare che qualche gioia l’abbia regalata alla propria azienda, specie visto l’elevatissimo prezzo del visore.

Il potere delle esclusive è anche questo: un titolo può aver fatto guadagnare milioni di dollari ad una compagnia con il solo annuncio mentre una libreria non esattamente eccezionale ha condannato Stadia ad una partenza piuttosto deludente.

Resta da vedere se il visore di Valve avrà qualcosa da proporre anche dopo la release di Alyx e se quest’ultimo riuscirà ad affrontare la concorrenza (piuttosto agguerrita) delle altre alternative presenti sul mercato. Per il momento sappiamo giusto che non ci sarà nessun Left 4 Dead in realtà virtuale (ne tanto meno un terzo capitolo).

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

fire emblem heroes

Il miliardo di dollari fatto dai giochi mobile di Nintendo è quasi tutto colpa di Fire Emblem

GTA Online, Red Dead Online

Rockstar, festa grande: denaro e oggetti gratis in GTA Online e Red Dead Online