Bluepoint: lo sviluppatore è a lavoro su un altro remake

bluepoint nuovo remake

Nonostante il mese di Febbraio sia oramai alle spalle, tutti noi abbiamo ancora ben vivo il ricordo del remake di Shadow of the Colossus. Il lavoro dello sviluppatore Bluepoint è stato ad dir poco magistrale, riuscendo a dare al capolavoro di Fumito Ueda una veste grafica al passo coi tempi, e donandogli una vera e propria “seconda giovinezza“. Proprio sulla base di quanto visto, moltissimi appassionati di videogiochi hanno subito iniziato a fantasticare su altri potenziali remake. Ebbene, sembra proprio che questa volta la fantasia di tanti abbia fatto proprio centro. In una recente intervista, lo studio di sviluppo ha infatti confermato che il prossimo gioco che realizzeranno sarà proprio un altro remake. Non è ancora dato sapere di cosa si tratti più nello specifico, ma l’immaginazione di tanti sta già volando alto.

Un altro remake in programma per Bluepoint

[amazon_link asins=’B077TDMMZ5,B002I0J5FG’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’0ec5dc4a-2605-11e8-9d42-09c2f35b151e’]

Parliamoci chiaramente: i remake, così come le remaster, sono delle pericolose armi a doppio taglio. Se, da una parte, esse rappresentano la più classica “operazione nostalgia”, imbastita allo scopo di sfruttare un “usato sicuro” per accattivarsi una fetta di giocatori più grandi d’età, dall’altra c’è il rischio di snaturare i capolavori del passato. Sappiamo benissimo, infatti, che non basta una nuova veste grafica per fare un remake di successo, ma c’è bisogno di rispettare lo spirito originario dell’opera, trasponendolo fedelmente nella nostra epoca. Bluepoint è riuscita in questa non semplice impresa, riuscendo a consegnarci un remake di Shadow of the Colossus che non ha nulla da invidiare rispetto a tanti tripla A moderni.

Proprio per questa ragione, in molti si sono chiesti se, eventualmente, lo studio potesse cimentarsi in nuovi remake, magari proprio in quello di Ico, il “prequel spirituale” di Shadow of the Colossus. Nonostante lo studio americano non possa sbilanciarsi, possiamo dire che, sotto questo punto di vista, qualcosa bolle in pentola. In una recente intervista concessa ad Eurogamer, Marco Thrush, il presidente dello studio di sviluppo, ha confermato che il prossimo lavoro del developer sarà proprio un altro remake, e che il team reclutato a per Shadow of the Colossus è a lavoro proprio su questo progetto.

“Beh, potremmo, ma stiamo facendo un altro remake. Questo progetto [Shadow of the Colossus] ci è servito come punto di forza per far crescere il team artistico al punto da poter intraprendere un gioco tripla A pieno di contenuti artistici. Quindi ora il nostro prossimo passo è migliorare la pipeline dei contenuti artistici, miglioreremo il motore grafico, miglioreremo il flusso di lavoro per gli artisti, cresceremo dal punto di vista artistico per gestire il nostro prossimo progetto, perché è un po’ più grande. Il nostro prossimo obiettivo è, va bene, lavoriamo sulla progettazione e aggiungiamo nuove cose per arrivare al prossimo remake, perché ora quello che può essere il nostro unico obiettivo è assicurarsi che sia lì che riponiamo il tempo e tutti gli altri sono già ad un livello che possiamo considerare soddisfacente.”

La crescita di uno studio di sviluppo

shadow of the colossus classifica
Un remake che ha fatto scuola.

La strategia di Bluepoint è stata quella di espandersi nel tempo. A questo stadio, secondo quanto dichiarato da Peter Dalton, technical director dello sviluppatore, lo studio avrebbe le risorse e le competenze necessarie per occuparsi di qualsiasi progetto gli venga sottoposto.

“Con Shadow of the Colossus, lo studio è decisamente cresciuto sia per numero di persone che per il livello di abilità – e così continuiamo a crescere, ad espanderci, ed a guardare alle nostre lacune da colmare. Un’area che non abbiamo esplorato molto profondamente è: “Che aspetto hanno le nostre capacità progettuali? Qual è la nostra capacità di creare qualcosa di originale e di espanderlo, piuttosto che aggiornare qualcosa fatto da altri?”, e così guardiamo quelle cose e cerchiamo costantemente di migliorare e rafforzare lo studio per arrivare ad un punto in cui, sì, fare uno sviluppo originale o qualunque altra cosa incontreremo sulla nostra strada, saremo pienamente in grado di farlo.”

Ovviamente, non è ancora dato sapere a che cosa stia attualmente lavorando Bluepoint. Tuttavia, le ultime dichiarazioni rilasciate da Marco Thrush fanno capire che si tratta di qualcosa di più ambizioso rispetto a Shadow of the Colossus.

“Siamo davvero entusiasti del nostro prossimo progetto, e pensiamo che anche voi lo sarete, quando scoprirete di cosa si tratta. E stiamo anche assumendo nuovo personale.”

Altre informazioni utili

shadow of the colossus ps4 guida ai trofei
Quale sarà il prossimo remake dello sviluppatore americano?

Non ci resta, quindi, che attendere gli sviluppi del nuovo progetto di Bluepoint.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito. Se desiderate approfondire i lavori dello studio americano, cliccate la nostra recensione di Shadow of the Colossus. Se invece siete alle prese con il remake per PS4, cliccate le nostre guide:

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Più di mille persone stanno lavorando a The Division 2

Play Modena 2018: Sine Requie. Braccamorte

Play Modena 2018: Sine Requie Anno XIII Arrivano i Braccamorte