Cyberpunk 2077 sarà un progetto più ambizioso di The Witcher 3

cyberpunk 2077 the witcher
Carrellata di dettagli sul gioco di CD Projekt Red.


Diciamocelo senza mezzi termini, su Cyberpunk 2077 si sa veramente ma veramente poco. Le informazioni rilasciate da CD Projekt Red nell’arco di questi mesi sono quanto di più fumoso si possa immaginare. Tutto ciò che è stato possibile raccogliere non sono altro che dettagli sul titolo dello sviluppatore polacco. Tuttavia, una cosa sembra esserci chiara: il nuovo gioco di CD Projekt Red ha delle ambizioni decisamente importanti. È esattamente questo il modo in cui Adam Kicinski, CEO dello studio di sviluppo di Varsavia, ha descritto il videogame. Lo scopo del developer è quello di creare un nuovo franchise di successo, capace di diventare un best seller come successo con The Witcher 3, magari anche raggiungendo risultati migliori.

Cyberpunk 2077 punterà più in alto di The Witcher 3

[amazon_link asins=’B01KJZYXW6,B01HZA54GM,B01CHANRNW,1616597607,B015CWNEUI’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d7536682-1bce-11e8-83f1-839fdc4c445a’]

CD Projekt Red, nel corso di questi mesi, ha fatto capire quanto duramente stia lavorando a Cyberpunk 2077. Il gioco, stando alle parole dello sviluppatore polacco, avrà delle animazioni mozzafiato, una colonna sonora di altissima qualità, e ovviamente una grafica di primissimo ordine. Tuttavia, non è ancora dato saperne di più. È molto facile che se ne saprà qualcosa in più alla prossima E3 2018, dove molti sperano di vedere almeno un trailer del gioco, o magari un gameplay. Sotto questo aspetto, però, lo sviluppatore è stato chiaro: verrà mostrato un gameplay di Cyberpunk 2077 solo quando sarà pronto!

In occasione del Pareto Securities Gaming Seminar, Adam Kicinski ha affermato che Cyberpunk 2077 sarà “il nostro nuovo The Witcher 3″. Il CEO, tuttavia, non faceva riferimento alla sola portata del titolo, ma le sue parole si estendono anche alle ambizioni che lo sviluppatore polacco nutre nei confronti della sua “creatura”. CD Projekt Red ha infatti intenzione di creare un nuovo franchise, che possa aspirare a grandi vendite ed a grande successo, arrivando a definire il gioco come “un vero RPG“. Di seguito, alleghiamo uno stralcio delle dichiarazioni rilasciate da Adam Kicinski.

“Lavoriamo [in un] nuovo universo, un universo futuristico. Riteniamo che sia molto attraente per i giocatori, e non solo per i giocatori di RPG, tuttavia, questo è [un] vero gioco di ruolo, come The Witcher, come The Witcher 3, destinato ad un pubblico adulto. È fatto con passione, è dettagliato, ovviamente open-world, con un gameplay capace di garantire più approcci.”

Uno sguardo al digital delivery

cyberpunk 2077
Cyberpunk 2077: non verrà mostrato un gameplay prima dell’E3

Un altro punto toccato dal CEO di CD Projekt Red è stato il digital delivery. Adam Kicinski ha affermato che i guadagni provenienti dalle vendite dei giochi first party su GOG sono al loro massimo storico. Tuttavia, Kicinski ha confermato che Cyberpunk 2077 approderà anche su Steam.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Recensione: Monster Energy Supercross

Recensione: Monster Energy Supercross

Auto a guida autonoma

Huawei Mate 10 Pro guida una Porsche Panamera