Hearthstone arriva a Lucca C&G 2017 e regala a tutti gli avventori della taverna…una carta davvero speciale!

Firmata da Nicola Saviori, uno dei disegnatori del card game firmato Blizzard con oltre 70 milioni di giocatori, la carta non poteva che omaggiare Lucca. Il protagonista è infatti Luigi Ghilardi, vero eroe dei due mondi come il suo contemporaneo Giuseppe Garibaldi. Protagonista del Risorgimento italiano, è diventato un vero eroe anche in Messico, partecipando a due guerre per portare la repubblica oltre oceano.

Nicola Saviori, l’italianissimo artista delle carte Blizzard, sarà presente a Lucca per tutta la durata della fiera proprio presso la Taverna di Hearthstone in piazza Santa Maria, per incontrare i fan, presentare le sue creazioni e firmare autografi, noi di Player.it abbiamo avuto modo di incontrarlo e fargli alcune domande.

I: Ciao Nicola, raccontaci un pò di te e del tuo percorso artistico.

Nicola Saviori: Ho sempre disegnato e cercato di esprimermi attraverso le immagini, venendo dalla provinca di Brescia non è stato facile esprimermi con i disegni in quell’ambiente. Dopo le superiori mi sono trasferito a Firenze dove ho frequentato la scuola internazionale di Comics e ho studiato fumetto, illustrazione e animazione, da lì ho iniziato a capire cosa voleva dire far parte di questo mondo. Cominciando a lavorare è stato poi un crescendo che mi ha portato qui oggi.

I: Come ci si sente ad essere uno dei pochi italiani a comparire tra i nomi di Hearthstone?

Nicola Saviori: Sono quello più giovane e anche se posso definirmi un novellino rispetto ai miei colleghi sono comunque felicissimo di far parte di questo progetto.

“Per me Blizzard è stata un assolo di chitarra elettrica ad un concerto di clavicembali.”

I: Qual’è il tuo rapporto con Blizzard, sei un videogiocatore?

Nicola Saviori: Assolutamente sì, il primo titolo Blizzard è stato Warcraft di cui mi sono innamorato e ho sempre giocato ai loro titoli. Questa passione mi ha spinto a voler far parte del loro processo creativo.

I: Cosa nei giochi Blizzard ha fatto nascere in te la scintilla?

Nicola Saviori: Per me Blizzard è stata un assolo di chitarra elettrica ad un concerto di clavicembali per cui ha dato proprio un colpo di spugna al fantasy classico. Ha ribaltato letteralmente i canoni del genere, abbandonando le anatomie perfette ed introducendo anche figure grottesche, questi cambiamenti mi hanno fortemente colpito ed hanno influenzato il mio percorso artistico.

I: Come ti sei sentito quando hai avuto la conferma che la tua prima creazione era stata accettata?

Nicola Saviori: E’ stata una cosa incredibile, altri artisti potrebbero dirti che si tratta solo di un altro contratto ma per me è stata una soddisfazione enorme!

I: Ci saranno altre carte col tuo nome?

Nicola Saviori: Sì e spero che la mia collaborazione con Hearthstone duri il più a lungo possibile.

I: Ti piacerebbe far parte di altri titoli Blizzard?

Nicola Saviori: Come già detto prima, essendo un grande fan dei titoli Blizzard in generale mi farebbe enormemente piacere.

I: Nicola grazie per la tua disponibilità.

Nicola Saviori: Grazie a te.

Pagina ufficiale Nicola Saviori

Non perderti Tutti i dettagli della Blizzcon 2017 in diretta da Lucca!