Gleamlight | Recensione: un mondo di vetro su Nintendo Switch

In passato, giochi e console erano molto più semplici rispetto a oggi. Basti pensare ai vari Super Mario e al loro modus operandi: il giocatore accende la console e si ritrova lì, nel mezzo dello stage, con il suo personaggio, senza l’ombra di una spiegazione. Tocca a lui scoprire quale pulsante è responsabile di quale azione, chi sono i nemici, come si fanno fuori, e così via. Ed è proprio su questo schema vintage che si basa il gameplay di Gleamlight, uscito su Nintendo Switch lo scorso 20 agosto.

Parola d’ordine: semplicità

Avventura platform in 2D sviluppata da Dico Co. e prodotta da D3 Publisher, Gleamlight è ambientato in un mondo dove tutto, dai personaggi all’architettura, è fatto di vetro. Il giocatore impersona un misterioso piccolo cavaliere rosso di nome Gleam che, armato solo di una spada, deve farsi largo tra i nemici che ostacolano il suo cammino. Si tratta di un gameplay molto semplice, che strizza l’occhio alle glorie del passato: non ci sono tutorial, non c’è un menu di gioco, non viene nemmeno notificato al giocatore quando il personaggio – circa al termine di ogni boss fight – ottiene un nuovo potere.

Dal doppio salto all’attacco caricato, il nostro alter ego rosso diventa più potente (ma non troppo) man mano che Gleamlight avanza, a un costo: ciascuna delle azioni speciali richiede della “vita” da parte del protagonista. Saltare avrà quindi lo stesso effetto dei colpi dei nemici e, a lungo andare, potrebbe portare al prematuro sgretolamento del personaggio: come se non bastasse, l’unico modo per comprendere quanti HP abbiamo è osservare l’intensità della luce emessa dal protagonista. Gleamlight è infatti privo di qualsivoglia UI: non ci sono indicatori di nessun genere, dunque ciascuna azione deve essere soppesata con attenzione per evitare brutte sorprese.

Proprio come il gameplay, la storia è semplificata all’osso: senza dialoghi né significativi cambiamenti di scenario, tutto ciò che si può comprendere della trama di Gleamlight va intuito, dato che nulla viene mai esplicitato. Va da sé che, a queste condizioni, la storia non può che essere assolutamente secondaria nell’esperienza di gioco, che viene quasi totalmente sorretta dal gameplay.

L’altro lato della medaglia

Proprio questo è il problema principale di Gleamlight: fa troppo affidamento su un gameplay che non è in grado né di soddisfare le aspettative, né di reggere l’intero gioco sulle proprie spalle. La trama è sì appena accennata e la mancanza di dialoghi non aiuta in questo senso, ma un cambiamento di scenario o di nemici avrebbe senza dubbio fatto la differenza – vedi Super Mario Land: chi non ha mai compreso quale fosse il suo scopo, pur con letteralmente solo una frase in tutto il gioco? 

Al contrario, Gleamlight prosegue come senza inizio e senza fine: i nemici sono sempre gli stessi, con poche aggiunte e ancora meno cambiamenti nella strategia necessaria per disfarsene. Allo stesso modo i livelli sono tutti strutturati nello stesso modo, con la stessa architettura e con enigmi sempre simili. Nonostante non si tratti di un gioco particolarmente longevo, bastano poche ore per rendersi conto della sua eccessiva ripetitività che, unita all’apparente mancanza di un vero e proprio scopo, rischia di compromettere una serena ed appassionata fruizione del gioco.

Gleamlight è una vera e propria delizia per gli occhi e per le orecchie. La grafica meravigliosa, che ricorda le vetrate illustrate di chiese e palazzi, si fonde con una colonna sonora semplice e rilassante per restituire un’impressione visiva e uditiva davvero appagante. Ciò non basta però a salvare l’esperienza: l’eccessiva ripetitività di gameplay e scenari, unita alla mancanza di una vera e propria trama, rendono Gleamlight ben poco appassionante.

marvel's avengers, marvel's avengers crystal dynamics, marvel's avengers square enix, Marvel's Avengers PC, Marvel's Avengers caratteristiche PC esclusive

La versione PC di Marvel’s Avengers avrà features grafiche esclusive grazie a un accordo con Intel

Xbox Series S esiste ma ancora non è stata annunciata