Cyberpunk 2077: Adam Badowski non è più Game Director, al suo posto un ex BioWare

Importante passo indietro di Adam Badowski, uno dei leader di CD Projekt Red che nel caso di Cyberpunk 2077 ha occupato finora la posizione di Game Director. D’ora in poi, come comunicato dall’azienda, lo sviluppatore polacco lavorerà solo alla leadership dello studio, mentre nella posizione creativa verrà rimpiazzato da Gabriel Amatangelo, ex di BioWare ed Electronic Arts.

È un periodo di ristrutturazione per CD Projekt Red, tra espansione dei propri studi e riassetto del proprio personale e del supporto alle proprie IP. Adam Badowski è stato più volte tirato in ballo per le polemiche di Cyberpunk 2077, come le accuse di crunch e di cattiva gestione o le indiscrezioni riguardo i cospicui bonus milionari guadagnati dalla dirigenza di CD Projekt grazie alle vendite del gioco nonostante lo stato lacunoso della build di lancio, ancora in bilico tra patch e contro-patch.

Insomma, c’era da aspettarsi che prima o poi arrivasse qualcun altro a prendere le redini di Cyberpunk 2077. Il nuovo Game Director, Gabriel Amatangelo, è un veterano dell’industria mondiale proveniente dalla sponda di Electronic Arts, e più precisamente da BioWare dove ha lavorato ai DLC di Dragon Age: Inquisition e ad alcune espansioni di Star Wars: The Old Republic. Amatangelo era già entrato nelle file di CD Projekt Red nel 2020 come Creative Director, e ora guiderà il supporto e lo sviluppo futuro dei nuovi contenuti di gioco di Cyberpunk 2077.

Mentre Cyberpunk 2077 continua a ricevere patch, non sappiamo ancora con esattezza quando il gioco tornerà a essere disponibile nel PlayStation Store, né quando verranno svelati i piani di rilascio dei DLC. Chissà se durante il periodo dell’E3 2021 verrà comunicato qualcosa.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE PlayStation LifeStyle

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Sonic Colors, Sonic Colors Ultimate, Sonic Colors Ultimate Nintendo Switch, Sonic, Sonic Colors remastered, SEGA

Uno dei migliori Sonic di sempre sta per sbarcare su Switch

Il sequel di Bloodstained: Ritual of the Night è in sviluppo