GTA V diventa indistinguibile dalla realtà grazie al machine learning

GTA V, GTA V machine learning, GTA V grafica potenziata con AI, AI potenzia GTA V, GTA V fotorealisco, GTA V fotorealismo

GTA V promette di diventare uno dei giochi console “immortali” per eccellenza, grazie alle sue versioni remastered che ne migliorano le prestazioni tecniche di generazione in generazione, ma c’è chi si è divertito a potenziarlo tanto da farlo arrivare sulla soglia del fotorealismo più avveniristico grazie a uno studio sul machine learning applicato al potenziamento dell’apparato grafico dei giochi.

GTA V, GTA V machine learning, GTA V grafica potenziata con AI, AI potenzia GTA V, GTA V fotorealistico, GTA V fotrealismo
Sì ragazzi: questo è GTA V!

Si tratta di un progetto di Stephan R. Richter, Hassan Abu AlHaija e Vladlen Koltun della Cornell University, culminato in un documento chiamato Enhancing Photorealism Enhancement.

Da quel che possiamo capire dal complesso documento tecnico del progetto, il software applica a GTA V una serie di dettagli catturati da una serie di immagini di strade di città tedesche, che diventano parte dello scenario in cui ci muoviamo. Il risultato è forse la versione di GTA che potremo vedere, almeno (forse) fino a GTA VI.

Ecco la demo in movimento (tenetevi forte!).

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Kotaku

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

fortnite stagione 6 sfide

Fortnite Stagione 6 – Guida alle sfide della settimana 9

dragon quest, dragon quest nuovo episodio, dragon quest nuovo episodio annuncio, dragon quest 35° anniversario

Occhi aperti, c’è un nuovo Dragon Quest all’orizzonte