Sta per arrivare un nuovo The Last Of Us multiplayer?

Naughty Dog, studio di sviluppo che ha dato i natali al pluripremiato The Last Of Us, sarebbe in cerca di un economy designer per aiutare il team a sviluppare un sistema multiplayer di un gioco non reso noto, con progressione online del giocatore ed elementi cosmetici. Si tratta di The Last Of Us o di un nuovo gioco slegato dalla saga? Proviamo a ragionarci su.

È passato quasi un anno dalla pubblicazione di The Last of Us Part II, e solo qualche mese dalla sua premiazione in tantissime categorie ai The Game Awards e ai Golden Joystick Awards, un risultato che potrebbe ripetersi anche ai BAFTA tra poche settimane. L’industria però non si ferma, e sappiamo già che Naughty Dog è al lavoro su un nuovo capitolo della saga.

Negli ultimi giorni è comparso un nuovo annuncio di lavoro sul sito ufficiale e sui social qualificati come LinkedIn che sta facendo molto discutere: il ruolo ricercato, quello di economy designer, descriverebbe compiti che riguardano feature online che allunghino la longevità senza intaccare la narrativa del videogioco o la psicologia del giocatore. Ovviamente non è specificato il tipo di gioco con cui avere a che fare… si potrebbe trattare davvero di The Last of Us?

La risposta è sì, forse. Proprio un anno fa, prima del lancio di The Last of Us Part II, Naughty Dog aveva comunicato l’assenza di multiplayer nel videogioco attraverso i social, ma nello stesso post ha anche affermato che il team di sviluppo avesse ambizioni online, e che presto avremmo potuto osservarne i suoi frutti. Lo stesso studio ha citato Factions, la modalità multiplayer del primo capitolo, per questo in molti hanno pensato a un progetto multi-giocatore legato comunque alla saga: un The Last of Us Part 3 con elementi online o forse semplicemente una modalità Factions stand-alone.

Un’altra ipotesi riguardo l’annuncio di lavoro di Naughty Dog potrebbe essere lo sviluppo di una nuova IP. Il nuovo assetto dello studio annunciato qualche mese fa, potrebbe star impiegando nuove risorse per progetti paralleli al franchise di The Last of Us. Questa eventualità è l’ultima che stiamo considerando ma forse non è la meno probabile: l’annuncio di lavoro fa riferimento alla ricerca di un candidato che abbia esperienza nello sviluppo su console e PC, mentre The Last of Us è sempre stata un’esclusiva Sony.

Che si tratti di The Last of Us o di una IP a parte, possiamo starne certi: Naughty Dog sta lavorando a un nuovo gioco ed è alla ricerca di nuovo personale. L’economy designer è solo una delle circa 40 nuove figure lavorative che lo studio di sviluppo sta cercando in questo momento. Voi cosa vi aspettate?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE GameSpot

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

5videogiochi in africa

5 videogiochi ambientati in Africa

Valheim: Panic Button vorrebbe un porting su Nintendo Switch