Prince of Persia Remake rimandato, ecco quando

Lo scorso settembre in uno degli Ubisoft Forward era stato presentato in un trailer il remake di Prince of Persia: le Sabbie del Tempo. Il titolo non aveva ricevuto una buona accoglienza da fan e critica, e adesso pare sia stato anche rimandato di qualche mese.

Stando a un comunicato di Ubisoft pubblicato sul profilo Twitter di Prince of Persia, gli sviluppatori hanno bisogno di più tempo per rifinire ulteriormente il gioco. Il team ha avuto problemi come tutti in questo 2020, e per questo ci sono stati rallentamenti durante lo sviluppo. La data prevista inizialmente era il 21 gennaio 2021, ma adesso se ne riparlerà a marzo.

Il remake era stato criticato in maniera aspra per la qualità degli screenshot e per i modelli dei personaggi un po’ troppo giocosi e meno realistici rispetto al titolo originale. Qualcuno ha perfino gettato nella mischia l’ipotesi che lo studio di sviluppo Ubisoft India non avesse avuto un alto budget o che ci fosse stata una deadline troppo stretta per i tempi del team di sviluppo, ma si tratta solo di voci infondate e subito rispedite ai mittenti dal Producing Director Sashi Menon.

Leggi anche: Prince of Persia: la retrospettiva persa tra le Sabbie del Tempo

Trattandosi di un titolo ancora in sviluppo, la grafica di Prince of Persia presentata a settembre sicuramente non rispecchierà quella del lavoro finito, ma staremo a vedere se Ubisoft ha deciso di ascoltare le aspre critiche dei fan o se ha lasciato campo aperto alla creatività degli sviluppatori del Remake.

La data di pubblicazione di Prince of Persia: le Sabbie del Tempo è stata fissata per il 18 marzo 2021. Al momento non sappiamo su che piattaforme uscirà questo remake, ma possiamo supporre che si tratti di un titolo cross-gen dati i tempi.

Da non perdere: Mercato dei videogiochi, i numeri del 2020 sono da capogiro | Cyberpunk 2077 – Ecco il trailer di lancio

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Prince of Persia

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

immortals fenyx rising

Immortals Fenyx Rising | Recensione (PS4)

PS5 a ruba, letteralmente