God Of War perde la dicitura “only on Playstation” senza mai averla ottenuta

god of war

Se c’è qualcosa che facciamo fatica a spiegarci in questi giorni è il come la fanbase spesso impazzisca se si scopre alla trasformazione di un un esclusiva in un titolo multipiattaforma. In un mondo del gaming dove è importante giocare invece che non giocare tali critiche non dovrebbero avere nemmeno senso di esistere.

Purtroppo le nostre belle speranze sul quoziente intellettivo medio del videogiocatore vengono di volta in volta disattese, stavolta a causa delle shitstorm createsi al di sotto di una serie di tweet che vedono God Of War arrivare su PC.

In queste ore sta circolando una notizia riguardante la scomparsa del tag only on playstation su God Of War, una delle più importanti esclusive del catalogo Playstation 4 al giorno d’oggi.

Questo, agli occhi della gente, potrebbe apparire come un segnale dell’eventuale transizione del titolo dallo status di esclusiva allo status di videogioco giocabile anche su PC, esattamente come è successo ultimamente per Horizon Zero Dawn e ancora prima per Death Stranding.

Analizzando la questione un po’ più in profondità sembra però che non ci sia molto di cui preoccuparsi perché God Of War non ha mai avuto tale tag, per motivi a noi ignoti.

Come tutto è cominciato.

A dare inizio alla questione è stato l’utente twitter AP.
Quest’ultimo ha scoperto che nello store americano di Playstation la pagina di God Of War non possiede il tag only on playstation, dando per assunto che Sony lo avesse rimosso in seguito a qualcosa.

Una cosa molto simile è poi anche successa per la Uncharted: Nathan Drake Collection che secondo l’utente ha visto scomparire lo status di esclusiva Playstation dallo store. Questo nello specifico si legherebbe bene ad un leak comparso su twitter mesi fa in cui si parlava dell’arrivo della trilogia su PC, esattamente come è successo per il videogioco di Guerrilla Games.

Come tutto è finito.

La realtà dei fatti è però ben diversa. Come sottolineato dai giornalisti di DSOGaming tale tag non è mai esistito ed il problema è legato unicamente alla versione americana del PSN.

Lo store europeo segna ancora il titolo di Santa Monica come esclusiva Playstation, non lasciando la stessa dicitura per i videogiochi di Kojima Productions e Guerrilla Games

Discorso simile può essere fatto per Uncharted Nathan Drake Collection; si tratta più di una differente struttura del sito americano che di una qualche mossa di marketing di Sony.

Quindi per ora nessuna chance di vedere God Of War portato su PC (dove per altro è giocabile attraverso l’utilizzo di Playstation Now, quindi se proprio avete voglia di giocarlo potete farlo lì per pochi spicci) e nessun attentato alla felicità di tutti quegli utenti che vivono la propria passione videoludica come una fede religiosa per cui esistono soltanto scandali o miracoli.

Il prossimo capitolo della saga di God Of War è ancora lontano e se avete proprio voglia di avere a che fare nuovamente con il buon Kratos e con la sua storia non vi resta che cercare di approfittare nuova serie a fumetti, God Of War: Fallen God che si preoccuperà di raccontare come Kratos è passato dall’antica Grecia alle fredde foreste del nord.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Half-Life: Alyx, Half-Life

“Cari studenti, oggi la lezione si terrà… in Half-Life: Alyx!”

comanche copertina

Comanche Recensione, oltre i cieli del conflitto