Horizon Zero Dawn su PC nel 2020? Facciamo chiarezza

horizon zero dawn in arrivo su pc

Dopo aver trascorso il Black Friday, il Cyber Monday, con l’approssimarsi del Natale e della fine dell’anno, è tempo di nuovi rumor che possano agitare il mondo videoludico. È di qualche ora fa, infatti, la voce di corridoio che parla dell’approdo su PC di una delle più importanti e celebri esclusive PS4: Horizon Zero Dawn.

A dare lo scoop è stato un giornalista di settore russo, che risponde al nome di Anton Logvinov, il quale avrebbe affermato che l’annuncio della versione PC del videogame sviluppato da Guerrilla Games sarebbe oramai imminente, e l’uscita sarebbe prevista per il mese di Febbraio 2020.

Come prevedibile, la notizia è facilmente rimbalzata su tutti i principali portali di informazione, scatenando le reazioni più diverse nel pubblico dei gamer. La domanda che tutti si pongono è: Horizon Zero Dawn è veramente in arrivo su PC? Cercheremo di fare chiarezza sulla questione nelle righe che seguono, facendo luce su tutti i possibili scenari legati a questa notizia.

Horizon Zero Dawn su PC: tanti dubbi e poche certezze

horizon zero dawn sta per uscire su PC
Quale futuro per le esclusive Sony?

È bene fare una doverosa premessa: questo rumor è da prendere in quanto tale, come una voce di corridoio e, quindi, non deve essere considerata come verità consolidata. Sappiamo bene quanta sorpresa abbia destato l’annuncio della versione PC di Death Stranding, prevista per il prossimo anno; tuttavia occorre sottolineare che, tra il gioco di Kojima e Horizon Zero Dawn, c’è una nettissima differenza.

Nel caso di Death Stranding, infatti, si parla di un videogame nel cui sviluppo Sony è stata solo parzialmente coinvolta, contribuendo attivamente alla realizzazione della sua imponente campagna di marketing e consentendo a Kojima Productions di utilizzare il Decima Engine, motore grafico creato da Guerrilla Games ed utilizzato, manco a farlo apposta, proprio in Horizon.

L’avventura di Aloy, invece, rappresenta in tutto e per tutto un titolo first party, ovvero realizzato da uno studio di proprietà Sony, e per cui il colosso nipponico ha investito ingenti capitali. Sotto questo aspetto, quindi, Horizon Zero Dawn è paragonabile ai vari Uncharted, God of War, Bloodborne e The Order 1886. Proprio per questa ragione, è assai improbabile un approdo di titoli di questo calibro su PC.

Quale futuro per le esclusive PS4 e PS5?

esclusive Sony in arrivo su PC
Il futuro del gaming gira attorno al PC?

Le indiscrezioni di Logvinov non si sono però fermate qui. Dopo aver infatti previsto l’annuncio della versione PC di Horizon, magari ai prossimi Video Game Awards, il giornalista russo avrebbe continuato affermando che Sony avrebbe espressamente chiesto ai suoi studi di sviluppo di creare i loro prossimi titoli tenendo sempre in mente anche una potenziale versione PC, soprattutto in ottica Playstation 5. Sotto questo aspetto, il Decima Engine rappresenterebbe il miglior trait d’union possibile tra il mondo Playstation ed il PC gaming.

Abbiamo già espresso tutti i nostri dubbi in merito: secondo chi vi scrive, per giocare alle più grandi esclusive Sony, sarà sempre necessario acquistare una Playstation, almeno nel prossimo futuro. Tuttavia, non è da escludere che la multinazionale giapponese possa anche decidere di cambiare rotta, sposando una visione non troppo diversa da quella adottata da Microsoft, consentendo ai propri fan di poter giocare i loro videogame preferiti su qualsiasi piattaforma.

Vanno in questa direzione le dichiarazioni di Shawn Layden, ex amministratore delegato Sony, rilasciate in occasione della Gamescom 2019.

“Dobbiamo supportare la piattaforma PlayStation, che non è negoziabile. Detto questo, vedrete in futuro alcuni titoli della nostra famiglia di studi che potrebbero aver bisogno di appoggiarsi a una base installata più ampia.”

Con buona probabilità, il riferimento alla base installata più ampia riguarda proprio il PC. Spieghiamoci ancora più chiaramente: Sony, così come Nintendo, è e rimane estremamente gelosa dei suo titoli first party, ma potrebbe prendere in seria considerazione l’idea di sviluppare videogame destinati non solo alla propria console.

Tutto questo ci porta ad una considerazione successiva.

Tra le console litiganti, il PC gode

PS Now potrebbe essere un modo per giocare le esclusive Sony su PC.

Se il cross play è oramai una realtà sempre più prossima, anche tutte queste ipotesi e le dichiarazioni poc’anzi riportate ci fanno capire che, di base, la vera e propria lotta per lo scettro di re del mercato videoludico riguarda quasi esclusivamente il mondo delle console. Detto questo, il PC potrebbe ritrovarsi incredibilmente avvantaggiato da questa concorrenza, in quanto arriverebbe ad ospitare (con qualche mese o anno di ritardo) tutta una serie di giochi sì esclusivi, ma solo temporaneamente.

Sotto questo aspetto, Death Stranding potrebbe costituire solo un piccolo antipasto di ciò che, di qui a qualche anno, potrebbe venire, soprattutto tenendo in considerazione servizi come il PS Now, che consentirebbe, di fatto, di giocare su PC anche alcune esclusive Playstation.

Puntare ad una base installata più ampia significherebbe mirare a ricavi più ingenti, aumentare la notorietà di determinati franchise, e spostare il “campo di battaglia” su un altro terreno.

Va da sé che quanto ora detto non sposta di una virgola le nostre considerazioni circa il rumor di Logvinov, che va preso cum grano salis; nonostante quanto ora detto, però, queste ipotesi ci fanno guardare al futuro dei videogame con ancora più curiosità di quanta non ne avessimo prima, essendo consapevoli che il meglio debba ancora venire.

Restate sintonizzati per ulteriori news in merito.

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

outlast in co-op?

Pronti a scappare di nuovo? Outlast Trials è in arrivo

LastBastEvid

Recensione | Last Bastion