Swansong: non solo “bloodlines” nel futuro di Vampiri!

Copertina annuncio Vampire: The Masquerade-Swansong


Vampire – The masquerade: Bloodlines 2 è uno dei titoli più attesi per il prossimo anno: è tratto da uno degli universi narrativi più belli e vivi del gioco di ruolo contemporaneo, il suo predecessore è ritenuto uno dei più bei action-rpg dei primi anni 2000 e soprattutto promette di applicare le logiche mature e sofisticate dell’rpg degli ultimi anni, in modo da creare un’opera intensa e coinvolgente. Tuttavia,nel corso della PDXCON 2019 Paradox ha confermato che non sarà l’unico gioco delle prossime stagioni a dover portare alto il vessillo del lato vampiresco del Mondo di Tenebra: arriva Vampire – The Masquerade: Swansong, un gioco che promette di farci leccare i baffi…

La potenza di “TellTale” unita ai vampiri?

Secondo le informazioni in nostro possesso, Swansong, sviluppato dal team Big Bad Wolf, ha tutte le carte in tavola per aiutare il “fratello maggiore” nella delicata operazione di consolideare un brand videoludico che in passato ha visto sia trionfi che mezzi-buchi nell’acqua. Perché quest’impressione positiva? Semplice, perché secondo il comunicato stampa di annuncio del progetto Swansong sarà una sorta di riproposizione in chiave vampiresca del gioco precedente di BBW, ovvero The council, un’intrigante avventura grafica story-driven a episodi (qui la recensione del primo) ad ambientazione storica, con una spruzzatina di soprannaturale e, come se non bastasse, una puntina di teoria della cospirazione: si trattava infati della storia di un improbabile gruppo di “star” del XIX secolo (fra essi Napoleone Bonaparte e George Washington) che, bloccato su un’isola, si ritrova al centro di una storia simile a Dieci piccoli indiani di Agatha Christie.

Un esperimento interessante, nel quale il giocatore non era chiamato solamente a dover investigare grazie a meccaniche da avventura grafica, ma anche a dover personalizzare il proprio alter-ego in modo da permettergli di affrontare al meglio le diverse situazioni. Ora, se siete appassionati di Vampiri e in generale del mondo White Wolf, capirete come l’applicazione di queste meccaniche a un mondo basato su complotti e macchinazioni di creature della notte con l’unico obiettivo di accumulare potere per l’eternità potrebbe apparire come un invito a nozze per i fan di vecchia data.

Una screenshot da The Council
The Council (2018)

Giocando col fuoco

Stando alle primissime informazioni che abbiamo avuto dalla convention berlinese, Swansong permetterà al giocatore di prendere il controllo di diversi personaggi appartenenti a tre clan della Camarilla, che all’interno del setting di Vampiri-La Masquerade è la più grande confederazione di gruppi tribali di succhiasangue, per poi farsi largo fra intrighi, omicidi, macchinazioni. Una scelta che sembra sensata e sfiziosa.

In ambito gdr, l’ambientazione di Vampiri è forse quella più adatta a lunghe campagne basate sul dialogo fra giocatori e la tessitura di relazioni fra giocatori, png e fazioni, con l’obiettivo di creare un gioco basato sulla politica, la diplomazia e l’intrigo. Un’impostazione come quella di The Council, in grado di permettere al giocatore sia di portare avanti uno stile di gioco investigativo/dialogico sia ruolistico, sembrerebbe quella in assoluto più adatta per fotografare lo spirito di sottile crudeltà, mistero e strisciante follia di Vampiri, anche in un contesto non ristretto a un’unica location, ma in grado di abbracciare le vicende di un’intera città.

Infine, come se non bastasse, un progetto di questo tipo confermerebbe che stavolta White Wolf vuole costruire qualcosa che sembra molto ambizioso e molto duraturo.

Un artwork di Bloodlines 2
Bloodlines 2 aspira a essere l’action-rgp definitivo sul Mondo di Tenebra, ma a quanto pare sarà in buona compagnia…

Un Mondo di Tenebra digitale?

Bloodlines 2 è stato annunciato come un vero e proprio kolossal e sembra voler puntare alla creazione di una community di fan, rinvigorendo un brand videoludico che sembrava ormai messo in un angolo a prendere polvere. Sarà senza dubbio ambizioso, ricco di spunti e in grado di rendere giustizia in modo maturo al mondo di Vampiri.

Già questo progetto farebbe capire a chiunque quali siano le ambizioni di WW, ovvero di rilanciare il proprio brand in grande stile, ma forse stavolta non si vuole proprio badare a spese. Con l’arrivo di Swansong, infatti, il numero di giochi legati al Mondo di Tenebra si alza a ben quattro: oltre a quest’ultimo e a Bloodlines 2, infatti, sono in arrivo anche Werewolf-The Apocalypse: Earthbound e, per Switch, Vampire-The Masquerade: Coteries of New York.

Tutto lascia ben sperare nel lancio di un vero e proprio universo di giochi e narrazioni digitali sul Mondo di Tenebra che, cavalcando il lancio della quinta edizione della Masquerade, permetta alle creature della notte di colonizzare con convinzione una fetta di mercato.

Che i prossimi anni non vedano la netta affermazione di un nuovo brand?

>>Per il recap completo della PDXCON2019 leggi il nostro speciale<<

 

 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

doom

Id Software, Doom ed il lasciare in eredità le chiavi per il futuro del gaming

posizione di tutte le armi di medievil per ps4

[Guida] MediEvil PS4 | Posizione di tutte le Armi