God of War PS4: guida al combattimento

god of war ps4 guida al combattimento

Se siete fan della prima ora di God of War, non potrete non aver notato quanto sia cambiato il sistema di combattimento. Da sempre gli scontri con i nemici sono il cuore pulsante di questo franchise che, dopo anni di onorata carriera, ha deciso di svoltare in una nuova direzione. Il nostro Kratos farà il suo debutto con una nuova arma, l’Ascia Leviatano, che gli consentirà un approccio molto diverso ai vari combattimenti che si troverà ad affrontare; tutto questo senza ovviamente considerare l’importantissimo apporta di Atreus, il giovane arciere figlio del Fantasma di Sparta. In questa nostra guida, vi diremo tutti consigli base per affrontare al meglio gli scontri con i nemici, e familiarizzare subito con il nuovo combat system.

God of War PS4: consigli generali per il combattimento

Quando inizierete la nuova avventura di Kratos, vi renderete subito conto di non avere chissà quante abilità a disposizione. Gli approcci possibili al combattimento saranno inizialmente pochi, ma potranno essere incrementati acquisendo nuove abilità, che potranno letteralmente capovolgere l’esito di uno scontro. Ogni arma che utilizzerete avrà il suo personale skill tree, e starà a voi decidere quale strategia prediligere in combattimento: se attaccare a distanza oppure se scagliarvi in corpo a corpo. Va da sé che, ovviamente, ci saranno alcune abilità decisamente più utili di altre che, per questa ragione, vi converrà prediligere. Se desiderate approfondire l’argomento, cliccate la nostra guida sulle migliori abilità da sviluppare.

Ovviamente ogni arma avrà la sua funzione specifica. Alcune abilità dell’Ascia Leviatano, ad esempio, potrà congelare i vostri nemici, rendendoli immobili e più vulnerabili ai vostri successivi attacchi; inoltre, l’ascia in questione potrà sfornare attacchi caricati capaci di infliggere i danni più alti possibili in God of War. Nonostante lo Scudo del Guardiano possa sembrare un semplice strumento di difesa, potrà tornarci utile anche come arma di offesa. Molti dei nemici che incontrerete saranno infatti dotati di scudi: proprio per questa ragione, acquistando le opportune abilità dello Scudo del Guardiano, potrete rompere la loro guardia, creando un’apertura per attaccare ed evitandovi numerosi grattacapo. D’altra parte, si è sempre detto che la miglior difesa è l’attacco.

Tuttavia, non dimenticatevi mai del gioco di squadra in God of War. Durante i combattimenti, Kratos non sarà mai solo: Atreus, con il suo arco, fornirà tutto il supporto necessario e, con le opportune abilità, potrà contribuire allo stordimento dei nostri avversari. Nonostante la giovane età del giovane arciere, il suo aiuto sarà spesso vitale, e non sarà mai un peso nella nostra avventura. Inoltre, sempre sbloccando una determinata abilità, Atreus potrà arrampicarsi sulle schiene dei nemici più grandi, cercando di strangolarli. Tutto questo andrà a distrarre il nemico in questione, consentendo a Kratos di attaccarli senza troppi problemi.

Come affrontare i combattimenti in God of War

god of war come sconfiggere le valchirie
Sconfiggere una Valchiria non sarà per niente facile.

Dopo questa infarinatura generale, è arrivato il momento di andare a trattare le fasi di combattimento più nello specifico. Come tutti i fan di God of War sicuramente ricorderanno, nel corso della sua epopea, Kratos si è trovato a scontrarsi con un’enorme varietà di nemici. Anche in questa sua nuova avventura, ogni nemico avrà il suo punto debole, e starà a noi scoprirlo, o andando per tentativi oppure consultando il Bestiario presente all’interno del Menu di Pausa, che conterrà tutte le informazioni necessarie su ogni mostro presente nel gioco.

L’importanza di schivare, bloccare i colpi e contrattaccare

god of war atreus
Non dimenticatevi mai dell’aiuto di Atreus.

Una delle novità di questo nuovo capitolo della saga targata Santa Monica Studio è l’importanza data alle azioni difensive. Difendersi sarà una parte importante, quasi vitale, del combat system di qesto nuovo God of War, e dovremo usare tutte le abilità a nostra disposizione per schivare, bloccare e respingere gli attacchi che i nostri avversari ci scaglieranno contro, scegliendo, al tempo stesso il momento opportuno per contrattaccare e lanciare la nostra offensiva. Proprio per questa ragione, imparare le meccaniche dei comandi di schivata, parata e contrattacco potrà letteralmente salvarci la vita in tantissime situazioni.

Ovviamente ogni abilità che apprenderete avrà diverse possibilità di utilizzo e potrebbe non essere utilizzabile per tutte le categorie di nemici. Ad esempio, bloccare gli attacchi dei nemici di grandi dimensioni vi costerà una certa percentuale della salute, e la stessa schivata potrebbe non essere sempre la soluzione ideale, soprattutto in stage molto piccoli e angusti. In base a quanto detto, dovremo imparare pregi e difetti di ogni singola abilità, facendo molta attenzione a memorizzare gli schemi di attacco di ciascuna creatura, in modo da “prevedere” quale sarà la sua prossima mossa. Sarà proprio questo il modo cui dovremo prepararci ai combattimenti, in modo da limitare al massimo i danni che andremo ad incassare.

Per quanto invece riguarda il contrattacco, si tratta di un espediente che sarà utilizzabile pressoché in qualsiasi combattimento. In molti casi, quando sarete attaccati dai nemici e riuscirete a parare i loro colpi, potrete interrompere il loro attacco, creandovi così un’apertura per contrattaccare. In questa finestra temporale, assicuratevi portare colpi a segno nel modo più veloce possibile; facendo questo, ed evitando gli attacchi lenti e pesanti, non avrete problemi ad infliggere grandi quantità di danni ai vari mostri che incontrerete.

God of War: l’importanza della Furia di Sparta

god of war annunciato conferenza sony
I nemici più grandi potranno essere abbattuti ricorrendo alla Furia di Sparta.

La Furia di Sparta è l’abilità speciale di Kratos che, quando viene attivata, consentirà al guerriero greco di attaccare i nemici con pugni mortali che faranno aumentare il contatore dei danni da stordimento e, al tempo stesso, lo guariranno lentamente. È un’abilità molto utile, e dovrete assicurarvi di fare tutto il necessario per accumulare Furia e renderla disponibile durante il combattimento, poiché non potrete mai sapere quando potrete averne bisogno per portare a casa la pelle.

Ci sono un sacco di diverse armi e modifiche dell’armatura che possono essere forgiate per aumentare la Furia di Kratos; potrete saperne di più semplicemente consultando le informazioni degli oggetti presenti nel vostro inventario. Ci sono anche piccole pietre che potranno essere rotte per sbloccare eventuali potenziamenti ed aumentare così la quantità di Furia di Sparta disponibile. Questi oggetti saranno reperibili all’interno dei Forzieri delle Norne; se desiderate informazioni su dove trovare questi bauli, cliccate la nostra guida agli oggetti collezionabili di God of War.

Stordire i nemici

god of war
Il nostro giovane ragazzo si rivelerà decisamente utile.

Come vi sarà capitato di sperimentare, la gran parte dei combattimenti in God of War si verificheranno contro una moltitudine di nemici. Proprio per questa ragionare, caricare a testa bassa non è sempre la migliore delle opzioni, soprattutto se sono presenti nemici di grandi dimensioni e/o nemici pesantemente corazzati. Proprio per questa ragione, potrebbe convenirvi lanciare via l’Ascia Leviatano e richiamarla solo in secondo momento, concentrandovi sul combattimento corpo a corpo a mani nude.

Questa modalità consente a Kratos di concentrarsi su calci e pugni, o utilizzando il suo scudo; in questo modo, il nostro eroe causerà danni da stordimento, facendo aumentare il relativo counter. Una volta che il misuratore in questione si sarà riempito, il nemico perderà momentaneamente i sensi: non dovrete fare altro che avvicinarvi e premere il tasto R3, in modo da innescare un attacco potente, che causerà tantissimi danni, uccidendo i nemici minori e ferendo gravemente quelli maggiori.

Non dimenticatevi anche le frecce di Atreus potranno stordire i nemici. In base a quanto or ora detto, non dimenticatevi mai di scagliarne qualcuna al momento opportuno, in modo da stordire i mostri più grossi e pericolosi. Nonostante il comprensibile scetticismo iniziale, il giovane Atreus si rivelerà un validissimo alleato nel corso della trama principale.


Non perderti le nostre guide!

Scopri tutte le guide di God of War, clicca il bottone qui sotto!

Non è finita qui!

Scopri altre guide, soluzioni, walkthrough o trucchi per completare il gioco al 100%!

Hai suggerimenti o domande?
Segnalacelo nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

loot box belgio gioco d'azzardo

Anche il Belgio dichiara illegali le loot box

playstation plus mese maggio

Annunciati i giochi di maggio del Playstation Plus