HOME » guide

Resident Evil 7 – Guida di sopravvivenza


Articolo a cura di Pietro Gualano 

Le nostre guide dedicate a Resident Evil VII:


1- Guida ai Personaggi

2 – Soluzione completa 

3 – Guida ai finali alternativi

4 – Guida alle armi

5 – “Guida al DLC La Stanza”

re-7-guida-alla-sopravvivenza

Resident Evil ritorna finalmente nelle nostre case con un nuovo, terrificante capitolo ambientato in un’enorme villa. Questo gioco ci ha veramente conquistati e oggi apriamo il nostro ciclo di guide ad esso dedicate con una serie di consigli, piccoli suggerimenti che potrebbero aiutarvi a sopravvivere agli orrori che i Baker hanno preparato per voi. Come abbiamo detto nella nostra video recensione Resident Evil VII non è, a parer nostro almeno, il gioco più difficile della serie, ma ci sono comunque alcuni ostacoli e passaggi che potrebbero darvi qualche problema di troppo. 


In questa guida non sveleremo la soluzione degli enigmi e non faremo nessun tipo di spoiler, nei prossimi giorni verrà pubblicata la soluzione completa per tutti i lettori desiderosi di completare al 100% il gioco. Siete pronti a entrare nella villa più terrificante del 2017?


 

1 – Blind run

Resident Evil VII è un gioco splendido e parte del suo fascino è indubbiamente dovuto alla paura dell’ignoto che si prova entrando in una stanza o aprendo un armadio. Per questo motivo, quindi, vi consigliamo caldamente di fare una prima run assolutamente priva da influenze esterne: cercate, se possibile, di non spoilerarvi nulla e godetevi il piacere di vivere realmente in prima persona l’avventura preparata dai ragazzi di Capcom. Ci vuole veramente attimo per rovinarsi un jumpscare o per compromettere l’inquietante atmosfera ricreata dagli sviluppatori, quindi se possibile evitate di guardare troppi video gameplay in giro per la rete (siamo certi che nei primi giorni dopo l’uscita ne verranno pubblicati moltissimi su YouTube…).  La trama, inoltre, è veramente ricca di colpi di scena che si possono semplicemente intuire anche da una foto o un’immagine, quindi regolatevi di conseguenza. 

Trovatevi un po’ di tempo, chiudete la porta a chiave, abbassate le luci, mettete le migliori cuffie che avete e iniziate la vostra partita.


2 – Questo non è DOOM

In Resident Evil VII sono presenti vari nemici che cercheranno di farvi a pezzi in modi piuttosto fantasiosi. Voi, come da tradizione, potrete difendervi con pistole, fucili, coltelli e non solo, ma cercate di non dimenticare mai che siete in un survival horror. Nelle battaglie vi ritroverete costantemente in svantaggio, avrete pochissima vita e un mirino terribile da gestire… Senza contare che sarete piuttosto agitati! Le munizioni, inoltre, sono veramente poche, quindi il nostro consiglio è di evitare il più possibile gli scontri non necessari. Far esplodere la testa di un abominio può essere molto piacevole, ne siamo consapevoli, ma quando sarete circondati da esseri mostruosi e avrete solo un coltellino per difendervi rimpiangerete di aver sparato quel colpo.

Il discorso deve essere esteso anche ai collezionabili: ci sono alcuni pupazzetti da distruggere sparsi per la casa, ma evitate di sprecare colpi di fucile o di pistola… Il gioco fa di tutto per rendervi la vita impossibile, non c’è bisogno di rendere la vostra visita nella villa ancora più complessa.

3 – Cos’è stato?!

In Resident Evil VII ci sono migliaia di rumorini inquietanti, non stiamo esagerando. Ogni volta che farete un passo avrete la sensazione di essere seguiti e vi girerete pregando di non vedere altro che la vostra ombra. Per questo motivo il nostro consiglio è di utilizzare un buon paio di cuffie con un audio di alto livello, se ne avete la possibilità: percepire in modo preciso la direzione e l’intensità dei suoni garantisce un’immedesimazione totale nel personaggio principale e consente di provare una reale situazione di ansia e apprensione. Abbiamo affrontato il gioco con e senza cuffie e possiamo garantirvi che la differenza si sente tutta, specialmente in alcune sezioni decisamente inquietanti. Vi consigliamo anche di non smettere mai di controllare da dove provengono certi suoni, molte volte non sarà nulla ma in alcuni casi potreste avere una spiacevole sorpresa non controllando…


4 – Save Save Save Save Save Save Save Save Save Save Save 

Resident Evil VII, come abbiamo detto nella nostra recensione, offre un sistema di autosalvataggio e un sistema di salvataggio manuale. L’autosalvataggio parte ogni volta che raggiungete un determinato punto della trama, mentre il salvataggio manuale può essere effettuato attraverso dei particolari registratori situati nelle stanze sicure. Queste stanze saranno il vostro personale paradiso e le riconoscerete grazie a due elementi principali:

 

a) La musica in queste stanze è assolutamente diversa, quasi rilassante

b) L’illuminazione cambia totalmente e diventa molto più accesa e calda, una luce ben lontana dalle tonalità fredde usate normalmente

 

Dato che in alcuni momenti della partita vi troverete necessariamente a girare a vuoto alla ricerca di vari oggetti, vi consigliamo caldamente di sfruttare al massimo queste stanze sicure andando a salvare tutte le volte che lo ritenete necessario. Solo così potrete evitare di ripetere più e più volte sezioni già completate.

5 – Tasche troppo piccole

L’inventario del nostro protagonista sfortunatamente è piuttosto piccolo: gli oggetti che possiamo portare con noi nei nostri viaggi nella villa sono veramente pochi e dobbiamo quindi essere bravi a capire cosa è realmente essenziale e cosa possiamo lasciare indietro. Nel corso della nostra avventura potremmo essere costretti a rinunciare ad alcuni oggetti non gestendo bene gli slot a nostra disposizione. Fortunatamente nelle stanze sicure di cui abbiamo parlato poco sopra sono presenti alcune grosse casse in cui potremo depositare tutti gli oggetti non necessari che vogliamo, dopo aver chiuso la cassa li troveremo in tutti i depositi di tutte le stanze sicure sparse per la villa. 

Ricordatevi sempre di combinare gli oggetti quando ne avete la possibilità, in questo modo libererete uno slot che potrete sfruttare diversamente (unendo erbe e fluidi chimici, per esempio, otterrete rapidamente un liquido curativo). 

 

Per il momento è tutto, naturalmente vi invitiamo a rimanere con noi per tutti gli aggiornamenti e le novità su Resident Evil VII e a seguire le altre guide che pubblicheremo nei prossimi giorni. La sopravvivenza è dura a villa Baker, un luogo pieno di vermi, strumenti di morte e anziani desiderosi di farvi a pezzi. Stringete i denti e andate avanti stanza dopo stanza, perché la libertà e la salvezza saranno sempre alla vostra portata… 

I Am Setsuna uscirà al day one di Switch

Mass Effect: Andromeda, ecco come provarlo in anteprima