The Last of Us Part II, upgrade ai 60 FPS a sorpresa su PS5

Da oggi 19 maggio 2021 è disponibile a sorpresa per The Last of Us Part II un upgrade ai sistemi next-gen di PS5, un aggiornamento che consente al videogioco di Naughty Dog di brillare ancora di più, già splendente dei numerosi premi vinti in questi anni, sulla nuova console di Sony.

L’aggiornamento di The Last of Us Part II ai sistemi di PS5 è totalmente gratuito ed è fornito con la patch 1.08. Per scaricare l’update non è necessario avere un abbonamento al PlayStation Plus, ma è comunque richiesta una connessione a internet. Una volta installata la patch, è possibile scegliere un’opzione nei settaggi di gioco per calibrare il framerate dai 30 ai 60FPS.

L’aggiornamento next-gen di The Last of Us Part II fa parte del pacchetto completo di miglioramento della retro-compatibilità di PS4, il quale è già disponibile da prima di oggi e comprende una risoluzione superiore, tempi di caricamento più rapidi e altro ancora. Tuttavia, a detta di Naughty Dog lo sblocco dei 60FPS è solo uno dei primi passi di adattamento del gioco alla PS5.

Il team ha scavato nell’hardware di PS5 e nelle possibilità che esso sblocca fin dal lancio dello scorso anno, e siamo entusiasti di ciò che riserva il futuro. Questa patch è solo il primo step del lavoro su PS5. Vi faremo sapere quando avremo altre notizie da condividere.

Arne Meyer di Naughty Dog

A proposito di queste altre notizie, secondo le voci si tratterebbe del tanto discusso remake del primo The Last of Us, sviluppato a discapito di alcuni titoli cancellati come Days Gone 2. Altre voci vogliono l’arrivo della modalità multiplayer di The Last of Us Part II. Ci auguriamo di scoprire tali novità nel prossimo futuro, magari durante il periodo dell’E3 2021 dove Sony, però, non presenzierà.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE PlayStation

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Summer Game Fest 2021, lo show d’apertura è nelle mani dei Weezer

The Outer Worlds diventa un franchise, successo inaspettato per Take-Two