HOME » news

Capcom ha in serbo due grandi titoli entro il prossimo Marzo

Capcom E3 2018 Tripla A

Capcom è rinata.
Nel corso dell’ultimo resoconto finanziario Capcom ha rivelato che pubblicherà due grossi titoli entro il 21 Marzo 2019, cioè la fine dell’attuale anno fiscale.

Andiamo con ordine.

[amazon_link asins=’B01H22DVMM,B072N357CC,B073ZPHNNN,2371880337,B015ONI1EE’ template=’CopyOf-ProductCarousel’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’d682e555-537d-11e8-a21c-e3ccad50a4af’]

Il successo di Capcom

Sono bei tempi per l’azienda giapponese, forte del successo di titoli come Resident Evil 7 o dell’incredibile Monster Hunter World (eccovi la nostra recensione), titolo che da solo ha macinato record su record per l’azienda nipponica diventando il loro prodotto più venduto di sempre. Non contenta dei successi che finalmente hanno bissato un periodo buio che durava da davvero parecchi anni, nel corso del tipico resoconto finanziario post anno fiscale, l’azienda ha rivelato due nuovi proiettili, ovviamente destinati ai nostri portafogli.

Capcom Monster Hunter World titoli AAA

Non sono state rilasciate informazioni su determinati titoli ma data la vicinanza con l’E3 della dichiarazione è probabile che bisognerà aspettare la fiera più importante del settore per avere informazioni più specifiche al riguardo. Spulciando tra le vecchie dichiarazioni e i vecchi rumor è possibile trovare informazioni come la possibilità di un titolo non destinato alla console Sony.

Cosa vuole far uscire Capcom?

Volendo teorizzare è possibile che Capcom stia per riportare in auge due importanti saghe: uno dei due giochi potrebbe essere il nuovo capitolo della saga di Devil May Cry che, dopo aver ricevuto un porting in alta definizione, aspetta solo di vedere un capitolo tutto nuovo per accontentare i suoi fan.

Il secondo titolo con cui Capcom ci vuole deliziare, probabilmente, è legato al brand di Onimusha: mesi fa avevamo parlato di come Capcom avesse registrato dei nuovi marchi con Onimusha nel nome, che sia questo il momento esatto per vedere le nuove avventure di Samanosuke & co nel giappone feudale ?

Capcom: il futuro prossimo sarà un successo?

Nel corso del resoconto finanziario la casa giapponese ha dichiarato di aspettarsi una riduzione per quanto riguarda le vendite fisiche per il territorio giapponese; al contrario prevede una crescita economica per quanto riguarda le vendite nei territori europei e nord americani. Questo, secondo Capcom, sarà accompagnato da un importante incremento nel numero di acquisti digitali riguardanti i suoi titoli.

Le proiezioni indicano che il mercato retail tirerà fuori 11.3 milioni di copie mentre quello digitale ne porterà 13.7, oltre due milioni in più crescendo di ben seicentomila unità rispetto al precedente anno fiscale. Le previsioni di Capcom indicano che nel corso dell’attuale anno fiscale Capcom si aspetta vendite per quasi otto milioni di unità, quattro milioni in meno rispetto allo scorso anno (annata che ricordiamo essere stata trascinata dal successo strabordante di Monster Hunter World).

Bisogna sottolineare che Monster Hunter World, con tutta probabilità, vivrà una seconda primavera nel corso di questo autunno se il porting per PC sarà degno di nota. Come purtroppo è semplice ricordare l’industria videoludica giapponese non è molto avvezza al mercato di Steam e affini ma nel corso degli ultimi anni la qualità dei porting è migliorata nettamente rispetto ai primi tentativi.

Capcom successo E3 2018

Nelle previsioni di Capcom i titoli che tirerà fuori avranno un grande successo ma non riusciranno a superare il suo titolo migliore. Sarà per la scelta della piattaforma o per qualche altro fattore ? Fateci sapere la vostra nei commenti!

 

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

god of war

Cory Barlog: “C’è un po’ di Metal Gear nel mio God of War”

Dodici giochi di ruolo perfetti per one shot