Ron Gilbert racconta tutti i segreti di Monkey Island

monkey island, the secret of monkey island, monkey island documentario, monkey island 30° anniversario

Per celebrare il trentesimo compleanno di The Secret Of Monkey Island (caduto il mese scorso), la Video Game History Foundation ha tenuto uno stream di discussione sul classico con ospite Ron Gilbert, autore e programmatore capo del capolavoro LucasArts, che potete trovare qui.

monkey island, the secret of monkey island, monkey island documentario, monkey island 30° anniversario

All’inizio lo stream era a pagamento, per sovvenzionare il lavoro della Video Game History Foundation (impegnata a preservare i codici sorgenti e i materiali relativi allo sviluppo dei giochi d’epoca).

La conversazione (riassunta anche in questo post del blog della Fondazione) è senza dubbio illuminante, ma sullo stesso canale YouTube dell’incontro online potete trovare molto di più su The Secret of Monkey Island, inclusi vari contenuti tagliati e retroscena relativi alla produzione.

E ora non ci resta che augurarvi una buona discesa nell’età d’oro delle avventure grafiche.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Rock Paper Shotgun

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

hyrule warriors immaginato da un fan per game boy color

Questa versione di Hyrule Warriors: Age of Calamity vi riporta agli anni Novanta

Assassin's Creed Valhalla copertina

Assassin’s Creed Valhalla | Recensione (PS4)