L’incredibile 2020 di Pokémon GO: 1 miliardo di dollari nonostante la pandemia

Mentre il mondo va sottosopra per gli effetti della pandemia scatenata dal Coronavirus, il mondo dei videogiochi sembra resistere nonostante le difficoltà. Ciò che forse non ci aspettavamo, è che potessero sopravvivere anche giochi come Pokémon GO, basati sulla realtà aumentata e sulla geo-localizzazione, e quindi ideati per far muovere i giocatori per le città.

Quello che sorprende è che Pokémon GO in questo disastrato 2020 riesca non solo a guadagnare tantissimo, ma a farlo anche più degli anni precedenti quando il mondo ancora non conosceva il COVID-19. Dopo ormai 10 mesi trascorsi, stando a quanto ci dicono i dati di SensorTower, Pokémon GO avrebbe guadagnato 1 miliardo di dollari. Una cifra esorbitante mai raggiunta prima dall’app.

Grafico sui guadagni di Pokémon GO nel corso degli anni

Secondo il report, Pokémon GO è l’app su cui le persone in tutto il mondo spendono di più dopo PUBG Mobile e Honor of Kings. È impressionante che questi risultati vengano raggiunti in un momento storico in cui le persone sono costrette a casa per la quarantena.

Impressionante, ma comunque spiegabile razionalmente: al di là del successo planetario dell’app e dei Pokémon in generale dei quali è superfluo parlare, gli sviluppatori di Niantic in questo periodo si sono prodigati molto nel permettere a tutti i giocatori di poter partecipare a Raid e iniziative di diverso tipo senza muoversi da casa. Questo ha giovato sia a quei giocatori che sono stati costretti in casa a causa della quarantena, sia a quelli che nei dintorni non hanno mai avuto molte opportunità per una scarsa presenza di Pokéstop o di giocatori vicini.

Nel frattempo, mentre il record può essere ulteriormente migliorato in questi ultimi mesi del 2020, riguardo il mondo Pokémon vi ricordiamo che l’ultima espansione di Spada e Scudo è uscita da poco e abbiamo a disposizione già una guida completa. Il 2021 sarà l’anno del venticinquesimo anniversario del franchise, chissà The Pokémon Company cosa sta preparando per l’occasione…

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

Cobra Kai: The Karate Kid Saga Continues, Cobra Kai videogioco, Karate Kid videogioco, Daniel LoRusso, Johnny Lawrance, Flux Game Studio,

Cobra Kai: The Karate Kid Saga Continues | Recensione (PS4)

Call of Duty Black Ops Cold War, rivelate le dimensioni del gioco su console e PC