HOME » news

Ghost of Tsushima non avrà un karma system

Ghost of Tsushima, Sucker Punch, PlayStation 4

Ghost of Tsushima, il cui gameplay è stato presentato allo State of Play di giovedì scorso (ne abbiamo parlato in quest’articolo), promette di essere un action open-world in grado di dare una certa libertà di scelta e approccio al giocatore, che potrà decidere di volta in volta se seguire l’onorevole via del samurai o quella, più ambigua, del ninja.

A questo proposito, Jason Connell, direttore creativo del gioco, ha dichiarato che in principio GoT avrebbe dovuto avere un sistema di valutazione della morale del giocatore sulla falsariga di quelli visti nei Red Dead Redemption, ma in seguito quest’ipotesi è stata scartata per esigenze narrative.

Ghost of Tsushima, Sucker Punch, PlayStation 4

Connell ha infatti detto che, più che di dotare il gioco di un sistema di giudizio sul comportamento del giocatore, per Sucker Punch è diventato importante mettere l’accento sulla possibilità dell’utente di plasmare la vicenda del “suo” Jin Sakai senza che nessuno si senta costretto a seguire un unico codice di condotta.

Avevamo pensato a un sistema di valutazione della moralità perché abbiamo utilizzato il sistema di karma in InFAMOUS: Second Son, ma poi siamo arrivati alla conclusione che fosse molto più importante raccontare la vicenda umana di un uomo che è in un modo e che poi si evolve in qualcosa di completamente diverso“.

Ricordiamo che Ghost of Tsushima racconterà di fatto la storia di una sorta di “partigiano” impegnato a resistere a un’invasione nemica in grande stile, una situazione disperata nel corso della quale il nostro modo di approcciarci all’avventura avrà un impatto sull’idea che i nostri alleati avranno di noi (ne parlavamo in questo articolo).

Ghost of Tsushima, Sucker Punch, PlayStation 4

Ciò vuol dire che, anche se il gioco non valuterà in maniera positiva o negativa ciò che faremo, le nostre azioni plasmeranno il mondo di gioco, e siamo certi che già solo alcune reazioni da parte delle diverse fazioni ci complicheranno non poco la vita.

Ghost of Tsushima uscirà negli store fisici e digitali il 17 luglio 2020, permettendo a molti videogiocatori di tornare a calcare il suolo del Giappone medioevale in cerca di avventure. Quanti di voi attendono con ansia di lanciarsi al galoppo nei panni di Jin Sakai, alias Lo Spettro?

FONTE IGN

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

minecraft record vendite

Minecraft: nuovo record di vendite e cambio di nome per Mojang

GTA V, GTA Online, Rockstar Games, Grand Theft Auto

Gli effetti collaterali del mettere Grand Theft Auto V gratis