Capcom ha piani (troppo?) ambiziosi per il 2021

Resident Evil 2 (Remake), Resident Evil, Capcom

Il periodo di maggio/aprile è per le aziende quello della chiusura degli anni fiscali e dei bilanci. Se la scorsa settimana era toccato a Nintendo parlare degli ottimi risultati conseguiti nel 2019, oggi tocca a una software house che nella scorsa annata ha dato incredibili segni di vitalità: Capcom. L’azienda ha chiuso l’anno fiscale con uno fra i suoi migliori risultati negli ultimi anni, forte del successo di pubblico e critica di Monster Hunter: World (15 milioni di copie vendute), e i buoni risultati di Resident Evil 2 (Remake)(5 milioni di copie) e Resident Evil 3 (Remake) (2, 5 milioni di copie).

Premesse incoraggianti che hanno portato il CDA a fissare un goal molto ambizioso per l’anno fiscale 2020: 28 milioni di copie da raggiungere entro marzo 2021.

La strategia scelta per un simile goal è articolata in tre step:

  • Impulso alla promozione digitale e a soluzioni di prezzo specifiche per le singole aree di vendita
  • Non accantonare le campagne di marketing dei giochi usciti fino a ora
  • Realizzare nuovi titoli di peso che consolidino il trend positivo.

Capcom sembra insomma essersi resa conto del suo potenziale e dei suoi ottimi risultati e, com’è ovvio, sembra voler puntare sempre più in alto. Da questo punto di vista, l’ultimo step, quello delle nuove uscite, sembra un obiettivo molto comprensibile, ma è proprio da quest’ambizione che per la mamma di Resident Evil e Street Fighter potrebbero nascere nuovi problemi.

Monster Hunter: World, Capcom

Capcom può ammalarsi di “sindrome da annualizzazione”?

Secondo i rumor che si sono susseguiti in queste settimane, il cavallo di battaglia di quest’operazione di consolidamento e rafforzamento dell’offerta potrebbe essere proprio Resident Evil. Ne abbiamo parlato molte volte, ricordate? Secondo leak abbastanza attendibili Resident Evil 8 potrebbe arrivare sui nostri schermi a marzo 2021, mentre Resident Evil 4 Remake nel marzo 2022.

Tutto porta a pensare a una marcata annualizzazione delle uscite, che segue e modifica di poco quella che ha guidato il corso della saga survival a partire da Resident Evil 7: Biohazard (2017), al quale è seguito Resident Evil 2 (Remake) nel 2019 e, infine, Resident Evil 3 (Remake) a marzo 2020.

Se il far passare un paio d’anni fra il settimo episodio e il revival del classico per PS1 sembra aver dato i suoi frutti, con un sapiente mix di innovazione e operazione nostalgia, è ormai acclarato che l’operazione Resident Evil 3 Remake non sia andata molto bene. Né la critica né il pubblico sembrano infatti aver apprezzato una certa “eccessiva rapidità” nel suo lancio, che ha portato al rilascio di un gioco a detta di molti monco e dalle potenzialità sprecate. La tesi è infatti che Capcom, orgogliosa di Resident Evil 2 (Remake), abbia voluto premere troppo l’acceleratore, in parte finendo di nuovo fuoristrada.

Jill Valentine, Resident Evil 3, Capcom

In base a ciò, non pochi sono stati i commenti tiepidi all’annuncio non tanto di Resident Evil 8 (il cui sviluppo, tra l’altro, dovrebbe essere iniziato più o meno in contemporanea con quello dei remake), quanto a quello di RE 4 Remake.

Vero è che si sta parlando di un titolo che arriverà sui nostri schermi solo fra un paio di anni. Tuttavia, è giudizio comune è che Capcom debba stare molto attenta e non cedere all’entusiasmo del mercato, a mettere nei suoi giochi futuri la stessa cura infusa nei titoli precedenti a Resident Evil 3 (Remake) e, soprattutto, non seguire un ritmo produttivo forsennato che potrebbe affossare di nuovo l’azienda.

Capcom ascolterà la coscienza e i consigli oppure darà vita a un nuovo caso Ubisoft-dei-tempi-peggiori, privilegiando la quantità sulla qualità?

Speriamo di no, davvero, perché sarebbe come tradire quanto di ottimo è stato fatto negli ultimi anni.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Gematsu

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

guida per catturare ditto in pokèmon go

Pokémon Go | Come catturare Ditto

wow leeroy jenkins

Leeroy Jenkins, 15 anni del video che ha segnato la definizione della parola virale