Call of Chtulhu: come mantenere la sanità mentale

call of chtulhu sanità mentale

Focus Home Interactive sembra avere decisamente tanti ottimi progetti in cantiere. Dopo esserci soffermati su Vampyr, adesso è il turno di Call of Chtulhu: The Official Videogame, il gioco di ruolo survival horror sviluppato da Cyanide. Tutti i fan di Chtulhu, e di H. P. Lovecraft, saranno contenti di sapere che lo sviluppo del gioco sta procedendo in maniera spedita, e che uno dei tratti caratteristici del relativo RPG cartaceo sarà riproposto nel videogame. In una recente intervista, concessa ad Official PlayStation Magazine, gli sviluppatori hanno confermato che sarà presente una meccanica di gioco riguardante la sanità mentale. Proprio per questa ragione, i giocatori dovranno imparare a tenere le loro fobie sotto controllo, onde evitare di perdere il lume della ragione.

Call of Chtulhu: uno sguardo al meccanismo della sanità mentale

[amazon_link asins=’B013WLQ6XS,B00XU1Q1PY’ template=’Carosello_prodotti’ store=’frezzanet04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c937a0a0-162f-11e8-bb6e-ff0fce7145e2′]

Chiunque abbia seguito lo sviluppo di Call of Chtulhu: The Official Videogame, sa benissimo quanto complesso sia stato il suo sviluppo. Annunciato da Focus Home Interactive nel 2014, poco dopo del gioco si persero quasi del tutto le tracce, facendo temere a tutti una sua eventuale cancellazione. Circa due anni dopo, Focus Home Interactive annunciò che il titolo era ancora in lavorazione, e che avrebbe portato un’esperienza di gioco molto vicina a quella del suo ominimo gioco di ruolo cartaceo. Come tutti gli appassioni di Call of Chtulhu e della narrativa di H. P. Lovecraft sanno benissimo, la sanità mentale e la paura svolgono un ruolo fondamentale.

In una recente intervista, Romain Wiart, il principale level designer del gioco, ha spiegato che il livello di sanità mentale del giocatore determinerà quali scelte potrà compiere e, addirittura, quale finale di gioco potrebbe sbloccare.

“È molto semplice. Come nel romanzo, o nel gioco di ruolo cartaceo, la tua sanità mentale diminuirà man mano, e questo accadrà anche nel gioco. Quanto più il giocatore sarà in grado di fare le scelte giuste, tanto maggiore sarà la sua sanità mentale, e sarai sempre tu a decidere se sperimentare certe esperienze o meno. Ecco come funziona. Ma se la tua follia cresce, avrai meno finali a disposizione, nonché meno opzioni, perché il tuo personaggio non potrà fare scelte razionali.”

Ecco come funzionano le fobie

focus home interactive
Tanti progetti in cantiere per Focus Home Interactive.

Lo sviluppatore ha inoltre aggiunto che l’esperienza di gioco potrà essere completata in circa 12 o 15 ore di gameplay. Inoltre, il creativo si è soffermato sul meccanismo di funzionamento delle fobie, che contribuiranno a minare il livello di sanità mentale del giocatore.

“Potrai sperimentare tutte le fobie. Sì, potrai provarle veramente tutte. Non immediatamente e tutte insieme, ovviamente, ma ogni ambiente della mappa di gioco scatenerà una particolare fobia alla volta. Quindi puoi andare, “Ok, vedo lo spazio di ingresso – no, non ci andrò, sceglierò questo perché preferisco non rivivere quello che mi è successo prima”.”

Da quanto dichiarato, insomma, sembra proprio di essere in presenza di una fedele riproposizione di quanto visto in Call of Chtulhu e nei racconti di H. P. Lovecraft. Non ci resta, quindi, che attendere i prossimi mesi per saperne qualcosa in più.

Ricordiamo ai nostri lettori che Call of Chtulhu: The Official Videogame, uscirà nel 2018 per Playstation 4, Xbox One e PC.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

Ecco l'action figure di Geralt di Rivia mentre fa il bagno

Annunciata l’action figure di Geralt di Rivia mentre fa il bagno

Games Workshop presenta Blitz Bowl

Games Workshop presenta il Blitz Bowl