Mod di Sekiro permette di rendere il gioco più facile

from software spiega la mancanza di elementi rpg in sekiro


Non è una novità che i giochi From Software siano parecchio criptici, intransigenti e soprattutto impegnativi. Se da una parte Sekiro: Shadows Die Twice è un tentativo da parte di Miyazaki di addentrarsi in un genere inesplorato dalla compagnia da anni, quello dell’hack n’ slash puro, non si può dire che il Director abbia abbandonato il suo tratto distintivo nello sviluppo del titolo.

Sekiro infatti è difficile e non perdona alcun tipo di errore, risultando per molti molto più ostico dei Souls o di Bloodborne. In molti si sono lamentati apertamente dell’estrema difficoltà del gioco, e su internet oramai sono diventate virali immagini, conversazioni e video reactions di giocatori alle prese con il gameplay di Sekiro. 

Come Pesce d’Aprile, abbiamo anche noi partecipato a questa trovata ideando una sorta di Easy Mode per Sekiro, ma stavolta sembra che la realtà abbia superato la finzione. Per accorrere in aiuto di tutti gli shinobi in alto mare è giunta una fan mod per PC che, oltre ad introdurre nuove opzioni grafiche, promette di render il gioco più abbordabile. 

 

“Uno Shinobi può essere veloce, o può rallentare i suoi nemici”

 

 

Per il setup della mod bisogna anzitutto scaricarla sul Nexus Mods per poi agire direttamente sull’impostazione della scheda grafica. Se si è in possesso di una scheda grafica Nvidia, infatti, la mod dev’essere attivata modificando i profili d’uso della scheda, togliendo il Vsynch, aggiornando il refresh rate col più alto possibile e cancellando il vecchio profilo d’uso standard per Sekiro. Basterà seguire le istruzioni sulla pagina della mod, e si potrà avere accesso immediatamente alle implementazioni offertoci.

Tra di esse abbiamo la possibilità di adattare e forzare il gioco ad una qualsiasi risoluzione vogliamo, computer permettendo ovviamente. Si potrà anche modificare il FOV, ritenuto un po’ troppo stretto da molti e migliorando in parte i problemi di telecamera. Per gli streamers, gli speed-runners o semplicemente i più masochisti vi è anche un’opzione per visualizzare le morti a schermo. 

Ma passiamo al piatto forte della mod, ovvero la capacità di aggiustare la velocità di gioco generale o specifica di Sekiro e dei nemici. Sul pannello di controllo della mod sarà infatti un’operazione molto intuitiva, e permetterà di sconfiggere qualunque boss o mid boss vi dia problemi semplicemente rendendolo più lento.

Una gradita aggiunta o una feature che va a rovinare il progetto?

 

Recensione | Sekiro: Shadows Die Twice

 

Come detto in precedenza, Sekiro: Shadows Die Twice è sulla bocca di tutti in questi ultimi giorni proprio a causa della sua “difficoltà” smisurata. Ci sono molti giornalisti che pretendono da From Software una sorta di Easy Mode ufficiale, che possa permettere anche ai meno abili tra i giocatori di godersi il titolo. 

Altrettanti, invece, affermano che il gioco vada bene così proprio perché è stato pensato, progettato e sviluppato in questo preciso modo molto punitivo, e che l’implementazione di una easy mode ufficiale andrebbe a danneggiare l’idea iniziale di From Software.

Dal canto suo la fan mod, poiché l’installazione è completamente volontaria ed offre anche numerose altre feature, risulta esser un buon compromesso: una velocità ridotta permette infatti di allenarsi a capire meglio il sistema di combattimento e i pattern d’attacco dei boss, rendendo l’esperienza di gioco più accessibile per qualsiasi tipo di giocatore. Se Sekiro diventerà troppo facile, basterà disattivare la velocità ridotta e si potrà godere il gioco con una grafica migliorata. 

 

come trovare gli strumenti prostetici in sekiro: shadows die twice

 

Come abbiamo specificato nella nostra recensione, riteniamo Sekiro il classico gioco “severo ma giusto“, che mette il giocatore alle strette all’inizio dell’avventura, facendogli capire con una terapia d’urto come sopravvivere, affrontare i nemici ed infine padroneggiare appieno il sistema di controllo. Siamo comunque felici che la creazione di questa mod abbia una possibilità di metter freno a questa diatriba sulla difficoltà.

E voi? Cosa ne pensate riguardo a questa mod o alla difficoltà generale di Sekiro: Shadows Die Twice? Scrivetecelo nei commenti, e se vi serve una mano per avanzare nel gioco date una letta alle nostre guide! 

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Riccardo Liberati

Classe 1997, cresciuto immerso dai libri, cartoni e videogiochi, ho sempre desiderato e provato fin dalla tenera età a creare storie fantasiose che rendessero un po' più brillante la mia vita monotona.

Ho trascorso l'infanzia in solitaria, giocando a quanti più titoli possibili, spaziando dai vecchi J-RPG di Square Enix fino ai più violenti sparatutto su PC, non disdegnando nel frattempo RTS, platform e giochi di corse automobilistiche.

Alle superiori riesco finalmente ad aprirmi e a trovare dei compagni con i miei stessi gusti e sogni, e capisco che non amo tanto i videogiochi, quanto la cultura ed i messaggi dietro di essi, gli stessi che ho sempre trovato nei libri, film e qualsiasi altro tipo di medium artistico.

Inizio a lottare per questo concetto scrivendo all'impazzata ed accrescendo la mia cultura ancor di più, sia attraverso la scuola che attraverso gli incontri e le persone d'ogni giorno. Questo bel sogno finisce con l'arrivo all'università, periodo peggio di qualsiasi film horror che abbia mai visto e che mi costringe a mollare tutto e rifugiarmi nella mia Fortezza della Solitudine per tre anni, perdendo interesse e linfa vitale per qualsiasi cosa.

Nel frattempo ho lavorato in numerosi settori, dall'aiuto vendita al libraio al tutor privato, e nel 2018 inizio a scrivere per Player.it, il mio primo incarico ufficiale come giornalista videoludico e che mi ha formato moltissimo sia nell'ambito dei videogiochi che in quello della scrittura basilare.

Oggi ho ripreso a studiare grazie alla scelta repentina ed irrazionale di iscrivermi alla Scuola Holden di Torino, luogo da cui vi scrivo, abbandonando casa per la prima volta ed il luogo natale di ogni mio piccolo successo e grande fallimento. La mia speranza? Quella di poter riuscire a trovare una strada ben delineata, facendo quello che mi piace fare senza dovermi sottomettere a nessuno

Artwork di Break & Boost, album musicale di Octopath Traveler

Octopath Traveler: annunciato il primo concerto sinfonico

battle royale reale

Un milionario sta cercando di mettere su una vera battle royale