HOME » news

[UPDATE] Sony apre la sua Playstation 4 al cross-play

cross-play


Il cross-play per sony è stato argomento delicato nel corso di questo 2018 tutto Fortnite e videogiochi multigiocatore; ne abbiamo già parlato in modo piuttosto esteso in una serie di articoletti (come questo, questo, questo o questo) ma il discorso si poteva riassumere benissimo in qualche frase: Sony guadagna troppo dal suo non offrire il crossplay ai giocatori.

Oggi 26 Settembre c’è stato, invece, un inaspettato colpo di reni: Sony ha annunciato che introdurrà il crossplay sulla sua piattaforma partendo da una Beta per Fortnite per poi espandersi a tutto il resto del parco prodotti della console.

Vediamo insieme cosa è successo più nello specifico.

La collaborazione passa per il cross-play?

Sony ha annunciato l’avvento del crossplay attraverso una dichiarazione presente sul Playstation Blog. All’interno di questa dichiarazione la compagnia giapponese ha dichiarato di aver iniziato un percorso che finirà per supportare l’idea di funzioni come il crossplay tra contenuti provenienti da sviluppatori di terze parti.

“Riconosciamo che i giocatori Playstation 4 hanno aspettato con fervore l’arrivo di un aggiornamento sulla questione, esattamente come riconosciamo l’incredibile pazienza che questi hanno avuto nell’attendere l’arrivo di un qualche tipo di soluzione. Siamo arrivati a trovare un accordo funzionante per la questione cross-play.


Oggi 26 Settembre 2018 rilasciamo una beta aperti di Fortnite che permetterà ai giocatori di interagire e divertirsi con utenti provenienti da altre piattaforme. Sarà possibile portarsi dietro sulle stesse anche i progressi e gli oggetti acquistati, di conseguenza sarà possibile giocare sui vari Android, iOs, Nintendo Switch, Xbox One, Microsoft Windows e sui sistemi operativi Mac con le stesse skin utilizzate originariamente su Playstation 4.

Per noi questa beta è una possibilità per testare delle funzionalità specifiche che permetteranno di abilitare il cross-play su piattaforme anche su Playstation, cercando anche di essere coscienti dell’esperienza che l’utente avrà a livello tecnico e social.

Per oltre ventiquattro anni ci siamo sforzati nel tentare di consegnare ai nostri fan la migliore esperienza di gaming possibile, il tutto sotto una prospettiva playstation-centrica. Al giorno d’oggi le comunità di giocatori si sono evolute ad un punto tale dove l’idea di un esperienza tra più piattaforma fa parte del corredo minimo di caratteristiche che un prodotto deve avere per donare valore al titolo. Poiché abbiamo riconosciuto questo fatto abbiamo deciso di provarci anche noi, facendo prima un’ analisi delle meccaniche di business legate alla cosa e poi assicurandoci di poter continuare a offrire l’esperienza Playstation che finora ha caratterizzato i nostri titoli. Questa cosa caratterizzerà in modo importante anche il futuro della console e sarà un punto focale dei nostri sforzi.

In ogni caso l’aggiunta del cross-play è per noi di Sony Interactive Entertainment un importante cambio di politiche e pertanto stiamo cercando di creare il territorio giusto per portarle correttamente all’interno della nostra azienda. Aggiorneremo la nostra community con il passare del tempo aggiungendo i dettagli e le informazioni sulle varie beta che compariranno per permettere a tutti quanti di sfruttare correttamente questa nostra nuova possibilità”

Cosa vuol dire il cross-play per Sony?

Tale cambio di rotta è in primis inaspettato, specie dopo le reticenze mostrate dall’azienda giapponese nel corso di quest’annata, ma è la conferma di come il mercato oggi lo decidano i giocatori in un certo senso.

Questo meccanismo è partito in seguito alle lamentele fatte dalla community dopo il rilascio di Fortnite su Nintendo Switch e da quel momento non ha fatto altro che guadagnare terreno e intensità, imitando le movenze di una valanga.

Ora Sony avrà la necessità di adattare tecnologicamente i suoi prodotti e probabilmente per la fine del ciclo vitale di Playstation 4 avremo una certa uniformità tra tutti i vari videogiochi presenti sulla console con questo cross-play.

Inutile dire che questa apertura è il primo passo dell’azienda per una futura Playstation 5 dove il cross-play sarà presente; si prospettano giorni migliori per i videogiocatori se l’azienda deciderà di continuare con cura ad aprirsi a determinate funzionalità.

[UPDATE] Psyonix ancora non ha ricevuto comunicazioni riguardo il cross-play di Sony.

Arrivano le prime dichiarazioni da parte degli sviluppatori circa la questione del neo cross-play di Sony sulla sua Playstation 4.

Come abbiamo potuto vedere sopra Sony al momento ha pubblicamente annunciato soltanto l’inclusione della neonata feature soltanto per il mostro d’incassi di Epic Games, Fortnite, senza però escludere l’aggiunta della stessa agli altri giochi presenti sulla piattaforma.

Il primo videogioco che potrebbe ricadere tra quelli meritevoli e desiderosi di tale cross-play è ovviamente uno: Rocket League. L’arcade game a base di palle e macchine sviluppato da Psionix è infatti già dotato di cross-play tra Xbox One, Nintendo Switch e PC; indovinate un po’ chi manca all’appello?

La versione PS4 di Rocket League permette ai giocatori di interagire unicamente con gli utenti della stessa piattaforma o con quelli PC rendendolo il candidato perfetto per l’inclusione del cross-play; peccato che Sony per il momento non abbia ancora piani al riguardo.

A tal proposito è arrivata al sito americano Destructoid una dichiarazione di Jeremy Dunham, pezzo grosso di Psyonix, che si è dichiarato estremamente contento della decisione di Sony nonostante la completa assenza di informazioni da parte dell’azienda giapponese.

“Siamo molto felici per la comunità di Fortnite che gioca su Playstation 4 e crediamo che il passo fatto da Sony sia enorme. Sappiamo che questa notizia ha avuto la sua certa risonanza anche tra i giocatori di Rocket League e all’interno della commmunity di Psyonix. In tutta onestà noi vorremmo aggiornarli come si deve ma al momento siamo sprovvisti di informazioni da dare loro riguardo le tempistiche e qualsiasi altra cosa. Per questo motivo raccomandiamo a quei giocatori di interrogare direttamente Playstation al riguardo.

Quindi prima di cantare vittoria per l’implementazione del cross-play sarebbe interessante vedere quanto saranno accurati i controlli che l’azienda farà per permettere a determinate community di riunirsi sotto l’egida unificatrice del divertimento. In sostanza, speriamo bene.

 

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

The Walking Dead

[UPDATE] The Walking Dead: Final Season potrebbe vedere una conclusione.

Rune e la mitologia norrena

[La tana dell’Orso] Rune, il sangue di Loki e la mitologia norrena