Il fotorealismo è possibile: ecco la prova

fotorealismo


C’è chi dice che la grafica non conta, c’è chi invece pensa che anche l’occhio voglia la sua parte. Sicuramente, con gli hardware in circolazione si pretende che la resa grafica sia comunque ottimale, in linea con il progresso tecnico odierno. Il fotorealismo per alcuni è ancora una chimera, ma la prova che il fotorealismo è possibile arriva da uno sviluppatore amatoriale che si fa chiamare Art by Rens.


Le immagini sottostanti non sono fotografie, fanno parte di un esperimento condotto dallo sviluppatore. Si tratta di una tech demo in esecuzione in tempo reale su PC. Questa scena ripresa sia in immagini sia in video (che trovate in calce all’articolo) utilizza la fotogrammetria e una soluzione per l’illuminazione in tempo reale e per l’illuminazione globale garantita dall’implementazione di Nvidia VXGI. La tech demo sarà anche pubblicata alla fine del 2017.

Secondo l’autore è possibile – con ulteriori ottimizzazioni – eseguirla in 4K con una singola NVIDIA GTX1080Ti. E nonostante non ci siano personaggi umani, effetti del vento, alcun tipo di effetto fisico o interazioni ambientali, questa demo sembra incredibilmente bella e , appunto, realistica.

Una demo da paura

L’ambientazione della demo è una foresta scandinava e la sua dimensione non è particolarmente elevata e permetterà al giocatore di camminare o di controllare una fotocamera virtuale e di acquisire immagini o video. I giocatori potranno cambiare il campo visivo, l’apertura, la distanza focale, i metodi di profondità e altro ancora.

Inutile dire che non vedremo questo tipo di visuals in un videogioco molto presto. Però, questo vi dà un’idea di come potrebbero apparire tra un decennio i giochi per PC. Vanno fatte anche altre precisazioni. Stiamo comunque parlando di immagini statiche in cui non è presente alcun effetto particolare e, soprattutto, non c’è presenza di animali o personaggi umani né immobili né in movimento. Questo non significa che il lavoro svolto non sia eccelso, ma è un chiarimento legittimo da fare per evidenziare il fatto che non riusciremo a giocare molto presto con questi dettagli grafici a giochi completi. Qui di seguito potete vedere altre immagini e il video.

 

fonte: dsogaming

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

Fate Extella the Umbral Star

Recensione Fate Extella the Umbral Star

Lep's World 2

Recensione Mobile: Lep’s World 2