Back 4 Blood | Guida | Consigli per iniziare a giocare

guida per iniziare a giocare a Back 4 Blood

Back 4 Blood è il nuovo sparatutto multiplayer a tema post apocalisse zombi di Turtle Rock, lo sviluppatore di Left 4 Dead. Proprio di quest’ultimo, Back 4 Blood è considerato l’erede spirituale.

I veterani di Left 4 Dead potrebbero sentirsi fin da subito a proprio agio, mentre chi comincia a giocare a Back 4 Blood, o a uno sparatutto multiplayer di questo tipo, potrebbe avere qualche difficoltà inziali e demoralizzarsi.

In questa guida, spieghiamo le meccaniche base del gioco e diamo utili consigli per iniziare a divertirsi e padroneggiare al meglio tutte le dinamiche di un titolo fortemente incentrato sulla collaborazione e la sopravvivenza.

Back 4 Blood è disponibile su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S e PC.

Primi consigli

Il lavoro di squadra paga sempre

Tutti sanno che è vero, ma molti cedono alla tentazione di imbracciare un’arma e andare a farsi giustizia da soli contro orde di zombi affamati. È assolutamente cruciale il lavoro di squadra in tutte le modalità di gioco: PvE, PvP e Versus. 

La cosa fondamentale è restare uniti, nel vero senso del termine. Non separatevi dagli altri, perché da soli potete fare ben poco. Se ad esempio venite catturati da uno zombi specifico e non possedete l’oggetto giusto per ucciderlo, gli altri giocatori potrebbero non avere abbastanza tempo per aiutarvi.

Rimanete in gruppo o, al limite, fate gruppi più piccoli, ma non rimanete mai da soli.

Bisogna muoversi molto

Sparare agli zombi è fantastico, ma non sempre è l’obiettivo principale del gioco, pertanto non fatevi distrarre dal vostro obiettivo, che è raggiungere la safe room . Su alcune mappe, stare fermi significa morte certa. Gli zombi non smettono di generarsi e le risorse per ricaricare HP e munizioni si esauriscono presto se si rimane troppo tempo a sparare e schivare zombi, i quali saranno sempre in netta maggioranza. 

È importante trovare un equilibrio tra uccidere gli avversari e spingersi in avanti per completare una determinata mappa.

Mai pensare di avere abbondanza di oggetti

Può sembrare che avere la quantità massima di munizioni per un’arma particolare vi permetta di raggiungere facilmente la fine della mappa. Questa è completamente un’idea sbagliata, perché quando si è in netta minoranza bisogna assicurarsi di avere una precisione millimetrica, e anche in questo caso, non è detto che le risorse bastino. Lo stesso vale per vari oggetti offensivi e ausiliari, ad esempio medicinali e vari tipi di granate.

Se solo è disponibile un modo alternativo per uccidere un determinato avversario, bisogna approfittarne. Non ha senso usare l’arma principale se è possibile distruggere il nemico con un’arma alternativa, comprese le armi da mischia.

Non siate egoisti e usate gli oggetti anche sugli altri

Se avete un gran numero di punti salute mentre il vostro alleato sta quasi morendo, assicuratevi di curarlo. Restituirete una parte significativa dei punti salute al vostro compagno. 

Per fare ciò, equipaggiate l’oggetto curativo, avvicinatevi alla persona che volete curare e poi usate l’oggetto su di essa. Potete fare lo stesso con le munizioni.

Guardatevi bene intorno

Sebbene le mappe di solito non siano molto grandi e nella maggior parte dei casi sia difficile perdersi, vale la pena di deviare a volte dal percorso principale e andare in luoghi che non sono necessari per completare la mappa. Andando vero i limiti della mappa, è possibile trovare oggetti interessanti, come forzieri con oggetti o munizioni e persino armi rare.

Inoltre, cercate edifici e auto aperte. In molti casi, è qui che troverete CP, cioè la valuta che vi consente di acquistare oggetti, armi, munizioni o vantaggi di squadra nella safe room.

Sfruttare i punti deboli

I tipi più potenti di zombi hanno punti deboli ben visibili su cui è necessario concentrarsi per abbatterli più facilmente risparmiando tempo e risorse. Questi punti specifici sul corpo hanno un colore distintivo. Canalizzate le vostre forze su questi punti deboli per ottenere il massimo con il minimo sforzo.

Assemblare bene il mazzo

Sui mazzi ci torneremo, ma iniziamo col dire che non sono un orpello, devono essere assemblati bene per avere vantaggi davvero evidenti in partita.

Un mazzo può contenere fino a 15 carte. Ogni carta contiene un effetto unico che potete usare mentre vi muovete nella mappa. Tuttavia, vale la pena ricordare che questi effetti non vengono attivati ​​immediatamente dopo essere stati selezionati dal mazzo. Ad ogni completamento della mappa successiva, potete scegliere una delle cinque carte selezionate casualmente dal mazzo . Ciò significa che quando avviate la prima mappa, potrete selezionare solo una carta, cioè un effetto.

Inoltre, la carta che si trova in cima al mazzo – la prima carta che scegliete – è la carta di partenza, e sarà sempre nel vostro mazzo.

Cosa sono i mazzi e come gestirli

Una volta iniziata la vostra avventura con Back 4 Blood, è essenziale familiarizzare con il sistema di creazione di un mazzo. I mazzi sono un elemento molto importante del gioco, perché vi permettono di creare una sorta di build personalizzata per il personaggio selezionato. La creazione di un mazzo di carte avviene all’inizio del gioco.  Andate al menu di gioco o selezionate il personaggio quando siete nel campo, a questo punto dirigetevi nella scheda Mazzi. Potete creare un nuovo mazzo, selezionare le carte che ritenete più utili per la build e poi, dopo aver salvato, utilizzarlo durante la partita.

Le carte si sbloccano tramite grind. Per ogni capitolo completato, riceverete punti rifornimento. Con questi potete sbloccare nuove carte. Le carte possono essere suddivise in 4 categorie: Attacco, Difesa, Utilità e Mobilità. Come indicano le stesse categorie, le carte della categoria attacco rafforzeranno il danno della squadra o del vostro personaggio; le carte di difesa rafforzeranno la resistenza ai danni del personaggio e/o della squadra; le carte utilità accelereranno le azioni, come sollevare o curare i feriti; le carte Mobilità aumenteranno la velocità nei movimenti del personaggio e/o della squadra.

La cosa più importante da sapere è che la prima carta selezionata per il mazzo sarà sempre con voi, dall’inizio alla fine della partita. Per le carte rimanenti, dovete sceglierne una delle cinque dal vostro mazzo. Le carte non possono accumularsi a meno che non esauriate le carte uniche che avete inserito nel mazzo: vi verrà data l’opportunità di scegliere alcune carte di base, ad esempio con effetto forza +10%; solo tali carte possono accumularsi. Nel caso di carte uniche, potete selezionarne solo una. Rimarranno con voi fino alla fine, e il resto delle carte sarà selezionabile nei capitoli successivi.

Migliori armi

Ogni arma ha sia vantaggi che svantaggi. Alcune di esse sono ideali per uccidere zombi specifici, ma sono molto più deboli quando si tratta di combattere nemici comuni.

  1. Fucili d’assalto : l’arma standard, ideale per uccidere sia gli zombi comuni sia i nemici speciali. Un tipo di arma ben bilanciato. Hanno però 20-30 munizioni nel caricatore, quindi vanno ricaricati spesso.
  2. Mitragliatrici – Queste armi sono consigliate per uccidere gli zombi più deboli, a causa del danno inferiore. Tuttavia, hanno più munizioni e una maggiore cadenza di fuoco. Quando si tratta di tipi speciali di zombi, ci sono armi migliori dei fucili mitragliatori.
  3. Fucili a pompa: se il vostro stile di gioco è aggressivo, i fucili a pompa sono perfetti. Imbracciandone uno, è possibile affrontare un gran numero di nemici, purché siate vicini a loro. Inoltre, grazie all’elevato danno, funzionano bene su zombi speciali. Tuttavia, assicuratevi di avere un compagno con un’arma a fuoco rapido per aiutarvi a uccidere molti nemici, poiché il fucile ha poche munizioni nel caricatore e il suo tempo di ricarica è lento.
  4. Mitragliatrici leggere/LMG – un’arma ideale per eliminare un gran numero di zombi, grazie alla grande quantità di munizioni nel caricatore. Il danno è significativo, ma assicuratevi di mantenere una certa distanza, perché c’è un forte rinculo, il che riduce la precisione dell’arma. Fate attenzione a quante munizioni vi rimangono, perché la cadenza di fuoco è elevata. Se scegliete questo tipo di arma, vi consigliamo di portare con voi una scatola di munizioni.
  5. Fucili di precisione : ideali per eliminare le minacce più grandi, come boss o tipi speciali di zombi, grazie a danni molto elevati. Inoltre, potete eliminare le minacce da posizioni sicure, grazie all’ottima precisione di queste armi. Tuttavia, non sono utili per eliminare gli zombi comuni, perché la cadenza di fuoco del fucile da cecchino è troppo bassa rispetto al numero di nemici.
  6. Armi secondarie – non adatte a combattere zombi più potenti, ma utili per zombi più deboli, potete combattere con queste armi per risparmiare munizioni dell’arma principale.
  7. Armi da mischia – Vantaggi simili alle armi secondarie, con la differenza che qui non si perde alcuna munizione. Alcuni personaggi e bonus ricavati dalle carte migliorano anche il combattimento corpo a corpo, quindi queste armi possono essere migliori delle armi secondarie. Il rovescio della medaglia è che avvicinandosi ai nemici, ci si espone ai danni.

Migliori personaggi

Ogni personaggio di Back 4 Blood ha caratteristiche uniche e può apportare vantaggi e svantaggi in base alla situazione di gioco.

  • Hoffman: Hoffman è un personaggio di supporto. Il suo bonus offerto alla squadra è quello di garantire il 10% di munizioni in più. Per quanto riguarda i vantaggi personali, Hoffman ha la possibilità di trovare munizioni ogni volta che uccide un nemico. Inoltre, può prendere un oggetto offensivo in più (come una granata) rispetto ad altri.
  • Doc: Doc è un altro personaggio di supporto. Come suggerisce il suo nome, è specializzato nella guarigione. Una volta per livello, può guarire ogni giocatore, ripristinando 25 punti salute. Inoltre, la guarigione di questo personaggio è del 20% più efficace. Il suo bonus di squadra offre una resistenza del 25% ai danni.
  • Evangelo: Evangelo è la miglior scelta per un giocatore solista, infatti non offre molto alla squadra. Il suo bonus di squadra è un 5% di velocità di movimento in più per i membri che la compongono. Per quanto riguarda i suoi vantaggi personali, Evangelo può liberarsi dalla presa dell’avversario una volta ogni 60 secondi senza l’aiuto di un compagno o di un oggetto speciale. Inoltre, può farlo il 75% più velocemente degli altri.
  • Holly: Holly è un personaggio difensivo pensato per il combattimento ravvicinato. Possiede un’arma da mischia. Per quanto riguarda i suoi vantaggi personali, Holly ripristina 10 punti resistenza quando uccide un Ridden. Inoltre, è il 10% più resistente ai danni, il che la rende leggermente più resistente degli altri. Il bonus di squadra di Holly aumenta la resistenza massima di ogni membro della squadra di 25 punti.
  • Jim: Jim è il più offensivo di tutti i personaggi. La ragione principale è che le uccisioni precise, ad esempio un colpo alla testa, danno a Jim il 5% di danno in più. Questo bonus si accumula fino al 50%, ma tutti gli accumuli vengono persi quando si subiscono danni. Come bonus di squadra, ogni membro infligge il 10% di danni in più quando attacca i punti deboli del nemico.
  • Karlee: Karlee percepisce i pericoli, ad esempio le trappole. Inoltre, ha uno slot in più per oggetti veloci come un defibrillatore o una sacca di munizioni. Karlee offre a ciascun membro della squadra un bonus del 25% sull’utilizzo degli oggetti.
  • Mom: Questo personaggio può rianimare immediatamente un personaggio abbattuto, ma può farlo solo una volta per livello. Inoltre, ha uno slot in più per gli oggetti curativi. Il suo bonus di squadra consente di avere una possibilità in più in caso di morte.
  • Walker: Le uccisioni di precisione danno a Walker un bonus di precisione del 20% per 5 secondi. Inoltre, infligge il 10% di danni in più rispetto agli altri personaggi. Il suo bonus di squadra dà a ogni membro 10 punti salute in più.

Come funziona zombie vs umani

Nella modalità Versus due squadre composte da un massimo di quattro giocatori sono formate rispettivamente da zombie e umani. Prima dell’inizio della partita, c’è un tempo limite per fare i preparativi: la squadra di sopravvissuti deve preparare le armi e l’equipaggiamento per fronteggiare l’attacco della squadra di zombi. Allo stesso tempo, la squadra di zombi sceglie le unità che vuole controllare e le posiziona sulla mappa.

La battaglia è vinta dalla squadra che porta a casa più round, una partita è composta da tre round (quindi chi ne vince due, esce vittorioso).  Per vincere un round, bisogna avere un tempo migliore della squadra avversaria. Ad esempio, se la squadra di umani è sopravvissuta per 2 minuti, nella partita successiva gli zombi dovranno sconfiggere la squadra avversaria in meno di 2 minuti.

Nel caso scegliate di impersonare gli umani, dovete solo raccogliere gli oggetti che ritenete maggiormente necessari e poi difendervi dagli zombi, invece chi sceglie di impersonare gli zombi deve tener conto di più cose. All’inizio, la squadra di zombie seleziona i propri personaggi. Gli zombi disponibili sono Stinger, Reeker, Tallboy e Common.

Ogni tipo di zombie ha un ruolo leggermente diverso. Un singolo zombi raramente può vincere una partita, quindi sia nella campagna che nella modalità Versus, bisogna collaborare, anche come creature non morte. Durante la preparazione, la squadra di mostri può osservare esattamente cosa stanno facendo gli umani. Dopo aver selezionato un particolare zombi, potete iniziare a muoverlo e anche pianificare come e chi attaccherà. La squadra umana non può vedervi. Vi vedranno solo quando il timer raggiunge 0:00. Se non vi piace un determinato tipo di zombi, potete cambiarlo prima dell’inizio della partita.

Non è finita qui!

Scopri altre guide, soluzioni, walkthrough o trucchi per completare il gioco al 100%!

Hai suggerimenti o domande?
Segnalacelo nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Michele Longobardi

Laureato in Lettere moderne, scopro la passione per il giornalismo quasi per caso. I videogiochi sono il mio più grande amore e così decido di coniugare le due cose. Il giornalismo videoludico diventa la mia forma finale.

Per me i videogiochi sono una forma d'arte e guai a dirmi il contrario.

Appassionato di tutto ciò da cui sgorga sangue: cinema horror (registi preferiti Argento e Romero), letteratura gialla e dell'orrore (autori preferiti Christie, Poe e Lovecraft) e ovviamente i videogiochi del genere (Silent Hill e Resident Evil sopra ogni cosa).

Il mio videogioco preferito di sempre è Fahrenheit che ho finito un numero non precisato di volte, da lì scaturisce la mia ammirazione per tutti i lavori di David Cage.

La mia "carriera" videoludica è segnata da un marchio da cui non sono mai riuscito a staccarmi: PlayStation! In circa 20 anni di gaming, ho completato più di 600 titoli.

the lost wild, survival sulle orme di dino crisis

The Lost Wild: il survival tra Dino Crisis e Jurassic Park

Back 4 Blood: un degno esemplare tra gli sparatutto cooperativi | Recensione (PC)