Scheda Tecnica di GhostWire: Tokyo

Disponibile su: PC, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X

TI PIACERÀ SE

NON TI PIACERÀ SE

Dettgli:
Sviluppatore: Tango Gameworks
Publisher: Bathesda
Disponibile per: PC | PS4 | PS5 | Xbox One | Xbox Series X
Genere: Horror
Data di rilascio: 31/12/2021
Tempo di gioco stimato: ND

In breve

GhostWire: Tokyo è la nuova IP del padre di Resident Evil e The Evil Within, Shinji Mikami. Un horror che si discosta da questi ultimi due per la presenza di dinamiche che sfiorano il genere “fantasy”.

In GhostWire: Tokyo infatti il giocatore, in prima persona, può usufruire di poteri psionici che gli permettono di controllare abilità magiche da usare contro nemici inquietanti.

La capitale giapponese ha una serie di misteri da risolvere. Dove finiscono le persone che spariscono nel nulla? Chi sono quegli individui senza testa? Quale maligna presenza infesta le strade di Tokyo?

Gli ultimi articoli

Ghostwire Tokyo: con il DualSense più realismo negli esorcismi e i poteri elementali

Il DualSense verrà sfruttato tantissimo in Ghostwire: Tokyo, con esso infatti sarà più realistico fare esorcismi e usare i poteri. Continua

GhostWire: Tokyo è tornato a mostrarsi all’evento PS5

GhostWire Tokyo è tornato a mostrarsi durante il Future of Gaming di PS5 e ha anche una finestra di lancio. Continua

GhostWire: Tokyo non è sparito, è attualmente in produzione

Di GhostWire: Tokyo si sono perse le tracce da un po’, ma Shinji Mikami conferma che il gioco è attualmente in produzione. Continua

Ghostwire Tokyo, il nuovo titolo di Shinji Mikami

Durante l’E3 2019 Bethesda ha presentato il nuovo videogioco di Tango Gameworks, un titolo chiamato… Continua

Iscriviti alla Newsletter dedicata a GhostWire: Tokyo

Consento l'utilizzo della mia email per ricevere gli aggiornamenti inerenti 'GhostWire: Tokyo', i dati forniti saranno protetti rispettando i termini presenti nel documento sulla privacy.
Scheda tecnica a cura di:

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

commander keen e3 mobile game

Bethesda annuncia il ritorno di Commander Keen

resident evil VIII wallpaper in hd

Resident Evil VIII: Village