Vuoi ricevere aggiornamenti su Resident Evil 3 (remake)?

Ricevi una nostra comunicazione via email ogni volta che c'è una novità sul tuo gioco preferito!

Consento l'utilizzo della mia email per ricevere gli aggiornamenti inerenti 'Resident Evil 3 (remake)', i dati forniti saranno protetti rispettando i termini presenti nel documento sulla privacy.
Recensioni
4 Agosto 2017
Aggiornato il 30 Marzo 2019

Resident Evil 3 Nemesis. Sorpresa! Tana per Jill!

Le opinioni dei Redattori di Player.it

Fabio Antinucci
(7/10)
Che sentimenti contrastanti suscita questo Resident Evil 3 Remake.
Quando l'ho iniziato, incuriosito dal fatto che avesse scatenato l'ira di critica a e fan per il suo essere molto più modesto rispetto all'operazione fatta col secondo episodio della serie, avevo svariati pregiudizi sulla brevità e sulla possibile delusione che avrei avuto.
Certo, è stato il primo approccio al gioco, nel '99 niente Resident Evil 3 per me, dunque la mia non avrebbe potuto e non può essere un'opinione seria.
Quello che si nota però è che è un gioco molto più "semplice" del remake di RE2, semplice nel senso che non ha quella profondità e manca di quelle mappe labirintiche che ricordavano addirittura i sistemi di risoluzione degli enigmi di un punta-e-clicca. E soprattutto è un gioco non rigiocabile, ma di questo ne parliamo dopo.

Dire però che si tratti di un brutto gioco è sbagliato, anche perché anzi il suo essere un titolo basato sull'action piuttosto che sullo splatter horror ne fa una bella variazione sul tema dei sopravvissuti che devono fuggire dalla città infestata.
Aveva ragione Simone, collega e amico, quando lo metteva a confronto con un film alla Alien o con Terminator, in cui l'eroina con la scorza dura lotta per tutta la durata per salvarsi le chiappe contro una minaccia spietata.
Da questo punto di vista l'approccio di Capcom di farne un prodotto molto più cinematografico, con cutscenes molto più esagerate e rocambolesche, ne fa un prodotto con i fiocchi, immediato, divertente e ricco di carisma.
Immaginate cosa voglia dire mettersi nei panni di una poliziotta esile ma dalla tempra tosta inseguita da un mostrone divoratore di carne umana che vi segue dal primo all'ultimo momento di gioco. E' un'esperienza ben resa, giocata persino sui classici cliché del genere ("MA COME, ERA MORTO E RICICCIA FUORI?!"). Roba perfetta per gli amanti del genere.

Rimane però una scomoda idea di fondo: ho giocato un titolo a sé stante o quello che sarebbe stato un ottimo DLC a Resident Evil 2?
Perché io ora RE 3 l'ho finito, ho amato la coppia Jill (JILL TI AMO <3 ) e Carlos, ma ora?
No campagna alternativa e new game +.
L'impressione è un gioco dal concept bellissimo e anche ben fatto, ma senza il respiro che un anno in più di produzione e qualche aggiunta a livello di concept di fondo avrebbero potuto dargli.
Ed è un peccato enorme.