Articolo di Alessio Arciola

I ragazzi di Infinity Ward hanno migliorato l’offerta multiplayer fornita in Call of Duty: Modern Warfare 2 grazie ad un DLC denominato Stimulus Pack. Il pacchetto scaricabile include cinque nuove mappe per il multiplayer di MW2, due mappe già viste e giocate nel primo capitolo di Modern Warfare e le restanti tre completamente nuove.

All’interno dello Stimulus Pack, troveremo cinque diverse mappe per il gioco online denominate: Bailout, Storm, Salvage, Crash ed Overgrown. Chiunque sia interessato all’acquisto di queste mappe dovrà preventivamente scaricare un pacchetto di aggiornamento di Modern Warfare 2 – pacchetto di aggiornamento il cui download è comunque obbligatorio per tutti, anche chi non acquisterà il DLC. All’interno di questo pacchetto di aggiornamento è presente il supporto necessario per l’attivazione delle cinque nuove mappe, alcune migliorie alla modalità One Man Army, diversi aggiornamenti di codice atti a migliorare l’esperienza online ed un miglioramento nel sistema di matchmaking che permette ai giocatori internazionali di trovar meglio le partite a cui sono interessati.

Passiamo però alla parte interessante del DLC.  Come accennato all’interno del pacchetto sono presenti cinque diverse mappe di gioco, tre completamente nuove e due che sono rivisitazioni delle mappe più amate di Call of Duty: Modern Warfare.

La prima nuova mappa, Bailout porta il giocatore all’interno di una zona residenziale offrendo ampi spazi esterni e ristretti luoghi all’interno dei palazzi dove i giocatori possono scontrarsi in piena libertà e faccia a faccia. La mappa predilige in particolare il combattimento diretto su campo aperto e premia l’abilità del giocatore nel trovare il miglior punto dove fare fuoco. Completamente differente è invece la mappa Storm – così denominata in quanto ambientata durante una tempesta – che vede come location una fabbrica in disuso piena di luoghi interessanti ed ampi dove la meglio l’avranno i giocatori in grado di tenere sotto controllo la situazione a 360°. Qui il combattimento si sviluppa particolarmente in orizzontale e a causa degli ampi spazi, a vincere sarà il giocatore in grado di controllare non solo ciò che gli succede di fronte, ma anche ciò che avviene alle sue spalle. L’ultima nuova mappa è Salvage, mappa ambientata all’interno di uno sfasciacarrozze tra acciaio e neve dove i posti dove ripararsi sono moltissimi. Anche qui la tipologia di mappa è completamente diversa dalle precedenti. Pur restando su un campo di combattimento in cui si predilige in particolare lo scontro orizzontale, grazie alla numerosa presenza di coperture e alle poco ampie aree vuote, a vincere la mappa sarà il giocatore in grado di ripararsi per bene e sfruttare al meglio il tempo così da far fuoco sui nemici al momento giusto.

Si passa poi alle mappe già note ai giocatori della saga, Crash ed Overgrown. Queste due mappe sono state riviste esclusivamente dal punto di vista grafico, i luoghi, il layout del campo con i vari oggetti, abitazioni e via via discorrendo sono rimasti negli stessi identici punti in cui i giocatori di Modern Warfare li hanno lasciati.
 In Crash il giocatore è posto in un’area di schianto di un elicottero, nel bel mezzo di un’area cittadina. La zona è piena di luoghi dove coprirsi ed aree sopraelevate raggiungibili da cui è possibile sfruttare buoni mitragliatori per eliminare gruppi interi di avversari. Overgrown invece è una mappa dedicata soprattutto agli amanti del cecchinaggio. Ambientata in un piccolo villaggio rurale tra campagna, ponti, fiumi in secca ed altri piccoli spazi, questa mappa è perfetta per i giocatori che amano attendere il momento giusto per eliminare il nemico da lontano dopo essersi nascosti per benino tra la folta vegetazione.

Le cinque nuove mappe offrono quindi una maggiore varietà nel comparto multiplayer, varietà che permette ai giocatori di affrontare lo scontro in campi nuovi, ritrovandosi così a dover inventare nuove tattiche e sistemi in modo da scoprire sempre nuovi modi di affrontare la battaglia virtuale. In alcune mappe, come descritto, viene privilegiato il combattimento in campo aperto, altre invece si adattano al combattimento in copertura ed altre ancora si prestano in modo ottimale per i combattimenti in verticale, ossia quei combattimenti che portano i giocatori su più piani – tetti, balconate, sporgenze eccetera – dove a vincere non è solo chi sta sopra gli altri avversari, ma soprattutto chi sa meglio sfruttare questa posizione.

Passando al lato tecnico, una volta scaricato il DLC compariranno due nuove voci in fondo alla lista delle modalità di gioco in multiplayer, la prima Stimulus e la seconda Stimulus Veterano – la differenza è data dalla bravura, abilità e grado del giocatore. Una volta selezionata la modalità a cui si vuole partecipare, il sistema avvierà una ricerca automatica della partita scelta. La modalità che andremo ad affrontare viene selezionata dal sistema in modo automatico ed assolutamente casuale, potrà quindi capitare di ritrovarsi a ripetere la stessa modalità sulla stessa mappa più volte prima di poter affrontare una modalità differente. L’unico modo per poter attivare la modalità voluta sulla mappa desiderata è avviando una partita privata tra il giocatore ed i suoi amici – solo in questo caso il giocatore che avvia la partita avrà modo di scegliere quale modalità di gioco affrontare sulla mappa.

Call of Duty Modern Warfare: Stimulus Pack è disponibile in esclusiva temporale dal 30 Marzo per sistemi Xbox 360 al costo di 1200 Microsoft Point (15 €). Il DLC sarà successivamente disponibile anche per sistemi PS3 e PC.

Quanto lo hai trovato utile/interessante? Faccelo sapere con un voto!