Ma quanto è bello Doom Eternal con il ray tracing attivo?

doom eternal rtx

NVIDIA ha annunciato Doom Eternal RTX, un aggiornamento per Doom Eternal che aggiungerà il supporto alle due principali tecnologie di NVIDIA: il Ray Tracing e il DLSS.
L’annuncio è stato seguito da uno splendido trailer che mostra i muscoli proponendo la truculente grafica del titolo con tutte le bontà dovute al ray tracing.

Certo, il ray tracing non è perfetto o davvero fuori di testa come quello di Metro Exodus.
La patch non aggiunge occlusione ambientale raytraceata, ne illuminazione globale fatta con tutti i crismi dell’RT.
Nemmeno alcuni effetti relativi alle ombre vengono realizzati sfruttando le caratteristiche del ray tracing ma fidatevi di noi quando vi diciamo che il risultato finale è incredibile ugualmente.

Il video di Nvidia è un focoso filmato di 3 minuti composti da sangue, demoni, smembramenti, proiettili e violenza pura.
Doom Eternal è stato fatto girare in 4K con ray tracing attivo su una delle nuove RTX 3080Ti con una risoluzione con un framerate medio tra i 75 ed i 110 FPS.

Quando arriverà l’aggiornamento?
A detta di Nvidia l’aggiornamento relativo al ray tracing arriverà sugli scaffali digitali di tutto il mondo durante Giugno 2021.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Victoria 3: come funziona la gestione dei Pop, la popolazione

tell me why

Per il pride month Tell Me Why sarà disponibile gratuitamente su Xbox e PC