Metro Exodus: Enhanced Edition mostra la potenza di DualSense su PC

metro exodus enhanced edition dualsense, metro exodus enhanced edition dualsense pc, pc supporta dualsense PS5, dualsense PS5

Metro Exodus: Enhanced Edition ha da oggi un primato: è il primo gioco per PC a supportare pienamente il pad DualSense della PS5, con una nuova patch che permette di usare il feedback aptico e i trigger adattivi in gioco.

metro exodus enhanced edition dualsense, metro exodus enhanced edition dualsense pc, pc supporta dualsense PS5, dualsense PS5

Il nuovo update uscito venerdì che ha aggiunto il supporto per il controller DualSense (ma solo se si gioca in modalità cablata). L’utente di Twitter @mrdomino_ ha mostrato le nuove caratteristiche in azione in un video postato sui social, dimostrando la resistenza opposta dai grilletti quando si spara con le armi.

Il supporto per il controller DualSense di PlayStation 5 è stato aggiunto a Steam nel novembre 2020, ma molte delle sue caratteristiche non erano ancora compatibili con il servizio.

Se l’esperimento di Metro Exodus avrà successo e DualSense riuscirà a elevarsi come pad universale potremmo ritrovarci difronte a un discreto successo da parte di Sony, ma a quel punto il problema sarà trovare sviluppatori con la volontà di sfruttarne appieno il potenziale anche su PC.

Questa è la prima volta che è possibile utilizzare i trigger in qualsiasi versione del gioco, dato che la versione PS5 di Metro Exodus: Enhanced Edition non uscirà prima del 18 giugno.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE VG247

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Tom Clancy: quando la scrittura si fa videogioco

fallout quest, fallout quest jrpg, fallout jrpg

Esiste da qualche parte un JRPG di Fallout e nessuno riesce a trovarlo