Deathloop, il nuovo gioco di Arkane Studios, è stato rinviato a Settembre

deathloop

Oggi è una giornata molto triste per chi scrive.
L’unico gioco che realmente aspettavo tra quelli annunciati dalle varie software house in questo primo vagito di generazione videoludica è stato rinviato di ben quattro mesi.

Ora se avete letto il titolo sapete benissimo che stiamo parlando di Deathloop ma lasciatemi ancora qualche riga per potermi lamentare e blablabla.

Ora, scherzi a parte, la maledizione predetta da Jason Schreier tempo fa si sta avverando: una pletora infinita di giochi verrà rinviata di mesi perché la coda lunga del Covid-19 ancora farà parlare di sé. Lo sviluppo di videogiochi non deve essere facile a distanza.

Hanno rinviato quella bomba di Deathloop

Abbiamo deciso di rinviare l’uscita di Deathloop al 14 Settembre 2021.

Ci stiamo impegnando per mantenere la qualità generale del titolo nel mentre preserviamo lo stato di salute di tutti i membri del nostro team. Utilizzeremo questo tempo extra per perseguire il nostro obbiettivo: creare un’esperienza videoludica divertente, stilosa e strabiliante.

Ci dispiace farvi attendere ancora e vi ringraziamo per la passione e l’eccitazione che ci trasmettete. Questo è il motore dietro la nostra creatività e dietro il nostro duro lavoro. Non vediamo l’ora di farvi vedere qualcosa in più sul gioco.

Dinga Bakba, Sebastien Mitton ed il team di Arkane Lione

Il gioco sarebbe dovuto uscire durante la seconda metà di Maggio ma, a quanto pare, il Covid ci ha costretto ad altri mesi di pulitura backlog.

Deathloop, se non lo sapeste, è un immersive sim sviluppato da Arkane Lyon in cui il giocatore deve cercare di eliminare otto diverse figure all’interno di un isola costretta in un loop temporale che costringe il giocatore a rivivere sempre la stessa situazione con un maggior numero di armi ed abilità. Il titolo è sviluppato da una software house incredibilmente capace, da sempre sinonimo di grande level design e gameplay.

Potete leggere qualcosa di più sul gioco in questo articolo riassuntivo

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Graziano Salini

Essere umano dotato di infinito nozionismo su cose di dubbia utilità, interagisce con il mondo dei videogiochi da quando ritiene di avere coscienza di sé. I punti forti del suo curriculum sono le oltre seimila ore passate sui moba, gli infiniti titoli conosciuti (e giocati) esplorando i meandri più reconditi della rete e l'indubbia capacità nel "flammare" con gentilezza il giocatore che ha davanti nella sua lingua natia.

Dopo aver preso coscienza dell'esorbitante numero di ore passate su giochi in grado di danneggiare gli organi interni, il tizio raffigurato in foto ha deciso di comprarsi un computer normale e di tenersi aggiornato con le console dando frutto a lunghe sessioni di blasfemie e coccole davanti all'action adventure o al gioco di ruolo di turno, impazzendo davanti a enigmi dalle soluzioni lapalissiane o superando con scioltezza nemici dalla difficoltà aberrante.

Nemico pubblico della punteggiatura e del bel scrivere, può vantare un lessico forbito da completo autistico derivato dai quintali di fumetti Disney letti in tenera età. Al momento sta aspirando alla santità aiutando tutto e tutti in missioni dalla dubbia utilità; aggiorna costantemente i suoi amici facebook sulla musica che ascolta (bella sopra ogni buon senso) e sui giochi che conclude, giusto per dare un senso ad account vecchi lustri.

Atari, non solo gaming ma anche blockchain e criptovalute

Perché spero che il prossimo gioco di Toyama (Silent Hill) sia un j-horror