Trasgressione e stile in questo cosplay delle Moxes di Cyberpunk 2077

Cyberpunk 2077 è un gioco che ha avuto parecchi problemi al lancio, tra bug, polemiche e carenze tecniche sulle vecchie console. Una delle cose che però ha più colto positivamente giocatori e critica, è l’intero comparto artistico di gioco.

La metropoli di Night City, in particolare è estrema, annichilente, egocentrica e ammaliante. I suoi personaggi sfoggiano menefreghismo e violenza da ogni poro, e in particolare la gang delle Moxes ha tutta una storia piena di trasgressione e stile da raccontare.

Leggi anche: Cyberpunk 2077, il compendio: quello che manca per comprendere l’opera di CD Projekt Red

Non è un caso se le Moxes sono proprio una delle gang più amate dai giocatori di Cyberpunk 2077: estetica brillante, pelle di porcellana, borchie ovunque, capelli al neon e un fervente impegno per l’autodifesa reciproca. Le Moxes si sono formate durante delle rivolte avvenute dopo la morte di Elizabeth “Lizzie” Borden, una proprietaria dello strip club oggi conosciuto in gioco come discoteca Lizzie’s Bar. Lizzie era famosa per trattare i suoi lavoratori in maniera umana, e li difendeva dai clienti violenti.

La cosplayer Angie, nota sui social come roga_na_goge, ha provato a presentare un cosplay che incarnasse a pieno gli stilemi delle Moxes. Fondate nel 2067, quindi 10 anni prima degli eventi di Cyberpunk 2077, si battono ancora oggi per la difesa delle comunità dei toy boy e delle toy girl, e in generale di tutto il circuito dietro il lavoro di stampo sessuale.

Il termine Moxes deriva inoltre da uno slang nordamericano, moxie, che in genere vuol dire “forza caratteriale“, un piccolo controsenso nel mondo di Cyberpunk dato che sembra che tutti in questo mondo cerchino di estremizzare la propria personalità con l’estetica.

Leggi anche: Cyberpunk 2077 | Come fare soldi velocemente senza trucchi

Estetica punk tagliente, vesti perlopiù scollate e coloratissime acconciature la fanno da padrone. Il cosplay di Angie è coloratissimo e pronto a difendersi da qualunque tipo di aggressione. La posa da slav queen, l’abbigliamento essenziale, i colori accesi e un’armamentario aggressivo rendono lo stile della cosplayer (e delle Moxes in generale) qualcosa di molto vicino alla Harley Quinn del film Suicide Squad.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Redazione Player.it

Account redazionale di Player.it, con questo account verranno proposti editoriali, speciali e post condivisi dall'intera redazione, inoltre, in questo profilo c'è l'intero archivio di articoli di games.it

Google Stadia avrebbe cancellato un’esclusiva horror di Hideo Kojima

Yotobi da piccolo

Lo riconoscete? Ha finto di avere un canale su Minecraft, è diventato famoso grazie al trash e ha creato un Late Show