Furti d’auto in aumento? Per un politico americano, la colpa è di GTA V

gta v furti auto chicago

Nella città di Chicago, negli ultimi mesi, i furti d’auto stanno crescendo in maniera esponenziale e questo, ovviamente, sta causando la preoccupazione di molti. Come spesso accade in situazioni del genere, le istituzioni si mettano alla ricerca delle cause alla base di questi eventi; ed altrettanto spesso (troppo spesso) i videogame vengono additati come responsabili del decadimento morale pubblico. Come riportato dal Chicago Sun Times, Marcus Evans Jr., un rappresentante del partito democratico, avrebbe individuato in GTA V (e nei videogiochi violenti più in generale) la causa principale dell’aumento delle azioni criminali a Chicago e, proprio per questa ragione, ha proposto un disegno di legge per vietarne la vendita a 360 gradi.

Leggendo il sommario dell’atto HB3531, apprendiamo che Evans intende modificare una normativa già esistente della città di Chicago. La precedente legge disponeva un divieto di vendita e noleggio di videogame violenti ai minorenni, mentre il nuovo atto normativo estenderebbe la portata di tale divieto, mettendo letteralmente al bando questa categoria di videogiochi, potenzialmente vastissima.

La riforma proposta dal politico democratico non si ferma qui, ma intende anche modificare la stessa definizione di “videogioco violento” presente nel Criminal Code, indicando quei titoli che:

permettono ad un utente o giocatore di controllare un personaggio all’interno del videogioco che è incoraggiato a perpetuare la violenza tra esseri umani in cui il giocatore uccide o altrimenti causa gravi danni fisici o psicologici a un altro essere umano o ad un animale.

La risposta dell’Electronic Software Association (ESA)

gta v bandito da chicago
È sempre colpa dei videogiochi!

Non si è fatta attendere la risposta dell’ESA, l’ente che rappresenta l’industria di settore nel mercato americano. Ai microfoni di IGN, ha rilasciato il seguente comunicato, disapprovando la proposta di legge.

Mentre la nostra industria capisce e condivide le preoccupazioni su ciò che è successo a Chicago, semplicemente non c’è alcuna prova di un legame tra l’intrattenimento interattivo e la violenza nel mondo reale. Crediamo che la soluzione a questo problema complesso risieda nell’esaminare a fondo i fattori reali che guidano tali comportamenti, piuttosto che attribuire erroneamente la colpa ai videogiochi, basandosi solo su speculazioni.

Come i nostri lettori sanno benissimo, non è la prima volta che i videogame finiscono nell’occhio del ciclone. Giusto qualche anno fa, scoppiò il caso delle Loot Box, equiparate da diversi legislatori al gioco d’azzardo, ma non pochi esponenti del mondo politico hanno additato i videogame come fonte degli atti di violenza più disparati.

Il disegno di legge non è stato ancora votato, ma è bene ricordare che, già attualmente, la città di Chicago prevede una multa di $1000 nel momento in cui un rivenditore venisse sorprese a vendere un videogioco violento ad un minorenne.

Restate sintonizzati per ulteriori aggiornamenti in merito.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!

Articolo a cura di Claudio Albero

Nasce a Torre del Greco, una piccola metropoli alle falde del Vesuvio, nei favolosi anni ’80, che già però non avevano più niente di favoloso. Provano ad educarlo con Beatles e musica classica sin dalla più tenera età, ma lui, di tutta risposta, si appassiona all’ heavy metal ed ai videogame , spendendo un piccolo patrimonio in sala giochi, quando queste due parole erano ancora slegate dalle slot machine.

Dopo aver mosso i primi passi su Sega Master System II con Alex Kidd, il Super Mario con le orecchie a sventola, si innamora dei platform, degli action/adventure e degli RPG, con particolare attenzione alla saga di Final Fantasy.

Inguaribile sognatore con le radici saldamente ancorate nel passato, scopre la sua passione per la scrittura quasi per caso, in uno dei tanti pomeriggi passati tra i corridoi della Facoltà di Giurisprudenza di Napoli, dove si laureerà giusto qualche anno dopo, con una tesi in Diritto d’Autore basata sull’opera multimediale.

Dopo aver scritto di attualità e musica su Lacooltura.it , Road TV Italia e Federico TV , approda sui lidi di Player.it , in cui comincia sin da subito ad apprendere e fare domande, guadagnandosi rapidamente il titolo di “ redattore rompiscatole del mese ”. Nonostante sia legatissimo alla grande famiglia di Player, non sono rare alcune sue incursioni su portali come Gameplay Café e Spazio Rock .

Musica, videogame, concerti, boardgame, modellismo, fumetti, cinema e serie tv: tanti hobby diversi tra loro, ma collegati da un fil rouge che li unisce tutti: il divertimento . È proprio questo che cerca in un videogame, è proprio questo sentimento che muove le sue dita, ed è sempre il divertimento la sensazione che cerca di infondere nei suoi articoli.

Al di fuori del mondo del gaming, indossa giacca e cravatta per mimetizzarsi nel mondo degli avvocati, esercitando la professione forense, con lo scopo di conoscere a fondo le “ regole del gioco ”, nonché di minacciare di far causa a chiunque al minimo pretesto.

games with gold xbox marzo 2021

Annunciati i games with gold di Marzo 2021

hitman 3, hitman, hitman ecce momo, hitman ecce homo, hitman 3 easter egg

In Hitman 3 c’è un easter egg dedicato al dipinto sacro più brutto di sempre