HOME » news

Nel futuro di Doom ci sarà una Doom Slayer donna? Il parere di Hugo Martin

doom slayer donna

Intervistato durante una live YouTube dal community manager di Bethesda Joshua Boyle, Hugo Martin, game director di Doom Eternal, ha risposto in maniera interessante a una precisa domanda posta da un fan sulla possibilità di vedere in futuro un protagonista femminile per Doom.

Questa la risposta:

Ci ho pensato, vorrei che se lo facessimo il risultato fosse “letale”, che questo cambiamento avesse un impatto sulle glory kills e sul tipo di armi a disposizione, sullo stile di combattimento

Insomma: stando alle sue parole, almeno una volta Martin ha riflettuto sulla possibilità di “rinnovare” uno degli eroi più iconici dell’fps mondiale attraverso un suo cambio di sesso, una prospettiva che non solo potrebbe portare a grandi cambiamenti nel gameplay della saga (come ricordava anche Martin), ma che potrebbe segnare un bel colpo all’interno della storia del genere.

Il problema è: come far digerire ai giocatori la dismessa dei panni di un eroe storico come il Doom Guy, icona incontrastata del genere?

Riprendendo il Q&A fra Martin e Boyle, lo YouTuber Midnight (attivo nelle community di brand famosi come Halo, Destiny, Gears of War e ovviamente Doom) ha provato a ragionare sulla questione, spiegando come lo scettro di Doom Guy potrebbe essere raccolto da una delle fiere guerriere che, all’alba dell’invasione demoniaca della terra, sarebbero entrate nelle fila della resistenza contro la minaccia extra-dimensionale.

In termini di lore, l’idea di mettere in scena la partecipazione alla resistenza umana era già stata messa in campo nella progettazione di Doom 4, episodio appartenente al vecchio filone della saga storica ma mai realizzato.

Altra idea portata avanti nel video è quella di fare della protagonista del gioco un’altra rappresentante delle Sentinelle della Notte, l’ordine cavalleresco al quale il Doom Guy appartiene e di cui ufficialmente è l’unico superstite.

E se così non fosse? Se Doom Guy non fosse l’unica Sentinella superstite e un’altra combattente arrivasse a prenderne il posto?

Entrambe le ipotesi sono ovviamente interessanti, non c’è che dire.

Cosa ne pensate?

Anche voi pensate che l’idea di una protagonista femminile per il prossimo Doom (o, perché no, uno spin-off) potrebbe funzionare?

Da non perdere: Torna Playstation Home con 4 mesi di giochi gratis


Si ringrazia Georgy Stacker per l’artwork dell’immagine in evidenza

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

shroud stream kid

Lo avete riconosciuto? È stato un atleta videoludico professionista e tutt’ora è un letale cecchino

dmca cd projekt red

Il codice sorgente dei giochi di CD Projekt Red è in rete e l’azienda tenta l’arma del DMCA, cosa significa?