Dopo 20 anni di sviluppo ecco un nuovo gioco per Game Boy

Ormai questo 2020 ci ha abituato a ogni tipo di stranezza. Eravamo già pronti a un gioco in arrivo per Game Boy, una console portatile di Nintendo fuori produzione da almeno 20 anni, ma nessuno era pronto a un secondo gioco per Game Boy, saltato fuori dopo 21 anni di sviluppo: date il benvenuto a Super JetPak DX.

20 anni più uno di quarantena sono bastati allo sviluppatore solitario Quang Nguyen per rilasciare finalmente il suo Super JetPak DX, videogioco platform per Game Boy. Lo sviluppatore era già famoso nel web del Regno Unito per la sua pagina twitter @asobitech in cui è solito mettere in mostra la sua collezione di giochi retro. Era il 1999 quando Quang ha iniziato a giochicchiare con il Game Boy Development Kit di Pascal Felber e Michael Hope.

La vita da programmatore di Quang è stata abbastanza singolare e travagliata. Dopo aver lasciato l’università ha accettato un lavoro per trasferire Re-Volt, un videogioco del 1999, su Game Boy. Era un lavoro impossibile in quanto si trattava di trasformare un gioco 3D in qualcosa di fruibile sulla cartuccia di un Game Boy Color in sei mesi, ed era l’unico programmatore nello studio, ingenuo e inesperto. Il progetto è stato prevedibilmente annullato con l’avvicinarsi della data di scadenza, ma Quang non si è fatto scoraggiare e ha cercato di trasformare il gioco che stavano tentando di trasferire su Game Boy in un nuovo videogioco di corse, mentre al contempo lo studio ha accettato di realizzare due giochi di equitazione. Dopo aver creato i due prototipi, lo studio ha avuto un nuovo contratto per un gioco rally commissionato da Lego, così gli sviluppatori hanno accantonato tutti i precedenti progetti per dedicarsi al gioco dei mattoncini danesi che doveva essere pronto in tre mesi. Anche qui un nuovo fallimento: troppo stress, troppo poco tempo, e ad aggravare la situazione il disco rigido con tutti i progetti si è definitivamente fritto. Quang è stato licenziato in tronco e tutti i sogni e progetti dello sviluppatore sono andati in frantumi.

È solo nel 2007 che Quang è tornato a rimettere le mani nel codice, fondando Asobitech per creare giochi nel suo tempo libero. Ha pubblicato già alcuni progetti indie e stava per pubblicarne un altro quest’anno, ma la pandemia ha messo un freno ai lavori di sviluppo. Così, Quang nel 2020 ha trovato più tempo per sé stesso e ha deciso di dedicarsi interamente allo sviluppo di JetPak DX, un gioco che aveva cercato di sviluppare 20 anni prima con suo fratello per un’azienda inglese chiamata Ultimate Play The Game (oggi conosciuta come Rare).

Il motivo per cui ha ripreso in mano un progetto così vecchio è stato per riavvicinarsi al sogno che aveva da bambino, ossia quello di creare videogiochi, senza pressioni e senza stress, guardando il tutto ancora con gli occhi dell’innocenza. E il modo più efficace per dedicarsi interamente allo sviluppo, per Quang è stato quello di ripescare proprio uno dei suoi primissimi progetti.

Super JetPak DX è disponibile su cartuccia fisica o via ROM per Game Boy e Game Boy Color, ed è preordinabile qui. Il suo costo varia a seconda delle edizioni dalle 10 alle 40 sterline.

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE NintendoLife

Articolo a cura di Alessandro Colantonio

Game designer in erba e chitarrista a tempo perso. Nasce all'ombra del Vesuvio nel 1991, muove i suoi primi passi nel mondo dei videogiochi su un Windows 95 all'età di 5 anni, e diventa presto un Allenatore di Pokémon.

Bazzica tra radio web e band durante i suoi studi universitari tra Napoli, Roma e Milano, per diventare un mittente di mail professionista per annunci di lavoro che non avranno mai risposta.

Prima di approdare a Player.it si è distinto nella fan-community di Pokémon Millennium diventandone rapidamente editorial supervisor e simultaneamente PR, garantendo alla redazione del portale un flusso costante di videogiochi per Nintendo Switch da recensire.

I suoi generi preferiti sono i gestionali, gli strategici, i tattici e i GDR. Tuttavia, essendo un accumulatore seriale di videogiochi, cerca sempre di giocare ogni titolo che gli capita sotto mano.

Ha una perversione per le pratiche fandom, i cani e la birra artigianale. Adora D&D, va in ira e carica.

libri videogiochi, videogiochi tratti dai libri, migliori videogiochi tratti dai libri, guida galattica per autostoppisti, Assassin's Creed, Tom Clancy's Rainbow Six, Lupo Solitario

7 videogiochi basati su libri (e che non conoscevate)

cyberpunk 2077 hotfix 1.06

Hotfix 1.06 per Cyberpunk 2077 – piccolo aggiornamento di stabilità