Yakuza: Like a Dragon: caricamenti istantanei su Series X secondo il produttore

Yakuza: Like a Dragon, Yakuza, Yakuza: Like a Dragon Xbox Series X

Masayoshi Yokoyama, produttore capo di Yakuza: Like a Dragon, si è detto strabiliato della velocità di caricamento del gioco su Xbox Series X.

Intervistato da Xbox Wire, Yokoyama afferma che l’SSD della console Microsoft è riuscita a ridurre i caricamenti fra una sezione e l’altra del gioco fino a farli diventare istantanei, il tutto a 60 FPS e in 4K nativo.

Yakuza: Like a Dragon, Yakuza, Yakuza: Like a Dragon Xbox Series X

Un livello di prestazione che, secondo Yokoyama, i giochi della serie non hanno mai raggiunto prima.

Secondo il producer ha affermato che il passaggio a next gen porterà anche ad altri cruciali miglioramenti tecnici, con framerate più alti e stabili per un’esperienza di gioco molto più piacevole e una resa grafica più dettagliata.

“Penso che i giocatori apprezzeranno davvero i rendering più dettagliati e le prestazioni di gioco più fluide.” ha affemato Yokoyama a questo proposito. “Durante lo sviluppo dei titoli di Yakuza ci concentriamo molto sui dettagli, quindi questo renderà l’esperienza molto più coinvolgente di quanto non sarebbe altrimenti.”

Yakuza: Like a Dragon, Yakuza, Yakuza: Like a Dragon Xbox Series X

Infine, Yokoyama ha confermato i vantaggi dello Smart Delivery, come quello di poter giocare i propri titoli preferiti (e di poter importare i salvataggi tra console di generazioni diverse) senza che la potenza grafica del titolo ne venga intaccata.

Fan della serie, cosa vi aspettate dal passaggio next-gen di Yakuza? Quanti di voi ci giocheranno sulle piattaforme Microsoft?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Gamespot

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Ludvig Forssell, Death Stranding, Hideo Kojima, Kojima Productions, Sony Computer entertainment

Kojima Productions è al lavoro su un nuovo gioco (in aggiornamento)

Doom Eternal, Doog Slayer, Inugami Korone, Doom Eternal Inugami Korone, Doom Inugami Korone

Youtuber Virtuale conquista il cuore del doom slayer nella nuova patch di Doom Eternal