Vice City torna a vivere in questa splendida total conversion di GTA IV (gallery)

GTA Vice City, GTA Vice City 2, Grand Theft Auto Vice CIty, Grand Theft Auto Vice CIty 2, Rev Team, GTA Vice City total conversion, GTA IV total conversion

La notizia che GTA VI potrebbe riprendere lo storico set di Vice City (ne parlavamo qui) vi ha emozionato? Bene, allora abbiamo qualcosa di perfetto per ingannare l’attesa o farvi perdere nella nostalgia: una splendida total conversion di Grand Theft Auto IV che ricostruisce perfettamente GTA Vice City, con tanto di cutscene del gioco originale.

La total conversion in questione si intitola Grand Theft Auto Vice City 2 ed è sviluppata da una realtà chiamata RevTeam. Si tratta di un’operazione davvero imponente: in corso di sviluppo da ben otto anni, si è posta l’obiettivo di ricreare l’esperienza di gioco del titolo dedicato a Tommy Vercetti & co. con la grafica e gli effetti di GTA IV.

Ecco qualche screenshot diffusa nel weekend:

Quando potremo provarlo?

Molto presto, stando a RevTeam, che vorrebbe far uscire una demo entro la fine dell’anno, il tempo di perfezionare alcuni dettagli della grafica e degli script di gioco.

Che dite, vi abbiamo fatto venir voglia di un giro negli anni ’80?

Ti è piaciuto l'articolo o hai perplessità?
Entra nel nostro gruppo Facebook o sul gruppo Telegram!
FONTE Dark Side of Gaming

Articolo a cura di Fabio Antinucci

30 anni (anagraficamente, in realtà molti di più) ha alle spalle esperienze come copywriter, redattore multimediale e critico cinematografico, letterario e fumettistico, laureato con una tesi triennale su Il Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan e una magistrale su From Hell di Alan Moore.
Appassionato di letteratura horror e fantastica, divoratore di film di genere di pessima lega (ma ha nel cuore pezzi da novanta come Kubrick, Mann e Kurosawa), passa le sue giornate fra romanzi di Stephen King, graphic novel d’autore e fascicoletti di Batman.
Scrive (male) da una vita, e ha pubblicato un romanzo breve (Cacciatori di morte) e due librigame (quelli della saga di Child Wood).
Crede che il gioco sia una forma di creazione e libertà, capace di farti staccare la spina e al contempo di far riflettere, ragionare, commuoverti e socializzare. Per questo gioca di ruolo da dieci anni (in particolare a Sine Requie, D&D, Vampiri la Masquerade e Brass Age) per questo adora perdersi di fronte alla sua Play.
È innamorato del videogioco grazie a Hideo Kojima e al primo Metal Gear Solid, al quale ha giurato amore eterno, ma col tempo ha imparato ad amare gli open-world, gli action-adventure, gli rpg all’occidentale, i punta e clicca, a una condizione: che raccontino una bella storia.

Crucibile: Amazon chiude tutto

Genshin Impact, Mihoyo, Genshin Impact guadagni,

Genshin Impact: costi di sviluppo recuperati in due settimane (ma arrivano le polemiche)