HOME » news

Bethesda, il fondatore della società dice la sua sull’acquisizione di Zenimax da parte di Microsoft

“Gli utenti saranno i beneficiari finali”

Il fondatore di Bethesda, Christopher Weaver, ha parlato dell’acquisizione da 7,5 miliardi di dollari da parte di Microsoft della società madre dell’editore, Zenimax Media, affermando che l’accordo è “un’acquisizione estremamente interessante da parte di entrambi i gruppi”.

Come riportato da VGC, in un’intervista con Inverse, Weaver ha dichiarato che: “ciò che Microsoft possiede, Sony non potrà ottenerlo”, aggiungendo “ci sono solo un numero limitato di creatori di comprovata esperienza nelle produzioni tripla A”.

“Penso che questa sia un’acquisizione interessante da parte di entrambi. Microsoft può rafforzarsi ulteriormente grazie ad una delle aziende più esperte nel settore dell’intrattenimento (durante un periodo in cui le vendite di videogiochi sono ai massimi storici) e Bethesda ottiene il vantaggio di poter concentrare la propria potenza di fuoco creativa sul software che alimenta la line-up di Microsoft “, ha affermato Weaver. “Un matrimonio che ha tutte le carte in regola per funzionare con un ulteriore grande e fondamentale partner: i fan.”

Ha aggiunto il fondatore di Bethesda: “Ci sono molte economie di scala che possono essere raggiunte con il consolidamento tra i giusti partner e alle conoscenze di entrambi, ma il banco di prova finale sarà evidenziato dalla qualità dei prodotti realizzati nel corso del tempo”.

La monumentale acquisizione da parte di Microsoft di Bethesda, id Software, Arkane Studios, MachineGames, Tango Gameworks, e molti altri, è stata annunciata all’inizio di questa settimana con un accordo multimiliardario.

L’elenco dei franchise di giochi ora facenti parte della famiglia Xbox è enorme e include: The Elder Scrolls, Fallout, Doom, Dishonored, Wolfenstein, Prey, Rage, The Evil Within, Quake e l’imminente Starfield.

“L’acquisizione di Bungie è stata un fattore determinante per il successo della prima Xbox”, ha concluso Weaver. “Sospetto che Microsoft stia guardando il loro playbook e stia cercando di ripetere una delle sue ‘mosse migliori’.

“Se la strategia dovesse funzionare, sarà una delle mosse più brillanti che si siano mai viste nel settore videoludico. Gli utenti di tutto il mondo saranno i beneficiari finali di questo accordo. Auguro loro ogni bene”.

L’accordo, almeno per il momento, dovrebbe essere finalizzato principalmente a rafforzare il servizio in abbonamento Xbox Game Pass. Il primo gioco Bethesda che è stato confermato e che arriverà sul servizio è Doom Eternal. Il lancio è previsto per il 1° ottobre su Xbox One X/S e per PC entro la fine dell’anno.

Yakuza: in produzione un adattamento cinematografico

The Last of Us, The Last of Us Parte II, The Last of Us Parte II multiplayer, Naughty Dog, Neill Druckmann, The Last of Us Parte II Fazioni

The Last of Us, Druckmann promette succose novità